Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Alla ricerca di Atlantide (2)

Le cose che vado qui scrivendo non hanno alcuna pretesa né scientifica e neppure in alcun modo conclusivo. Come tutti, specie quando gli argomenti sono così evanescenti come quello del mito di Atlantide, mi faccio guidare più da una sorta di istinto personale, che non da atteggiamento razionale. D’altra parte i dati reali a cui far riferimento sono talmente tanto pochi, che forse l’istinto in questo caso può valere più della ragione. Tra i tantissimi scritti, dunque, ce n’è uno che mi ha più colpito forse perché vibra secondo corde segrete della mia psiche e per questa ragione ve ne riporto un lungo stralcio.

Si tratta di un lungo quanto pregevole ed interessante scritto, a firma di Piero Trevisan, intitolato LA RELIGIONE DI ATLANTIDE, FRA MITO E IPOTESI STORICA … Di esso vorrei, sia pur superficialmente, sottolineare alcune tesi (le chiose in color nero e grassetto sono mie).

Vediamolo:

1) Il mito di Atlantide ha una origine strettamente pagana.

Recentemente si è ripreso a parlare di Atlantide, mito antichissimo e ancora non tramontato. Tale ritorno di fiamma di questa leggenda è dovuto alle ricerche di personaggi come Colin Wilson e Graham Hancock, il primo dei quali ha scritto il saggio Da Atlantide alla Sfinge, in cui sostiene che la Sfinge sarebbe stata costruita non dai Faraoni della IV dinastia come le Piramidi di Giza, ma dai superstiti di una civiltà sconosciuta 10.500 anni fa, che egli identifica con la mitica Atlantide.

Hancock, sulla stessa linea, ha scritto precedentemente il saggio Alla ricerca del Santo Graal che, a dire il vero, non parla del Graal, ma dell’altrettanto mitica Arca dell’Allenza, il contenitore dove sarebbero state custodite le Tavole della Legge scolpite da Mosé. Hancock formula una teoria sconcertante, secondo cui l’Arca sarebbe stata in realtà una macchina, una specie di enorme pila in grado di liberare la sua potenza, presumibilmente di tipo elettromagnetico, creando fenomeni che per quel tempo erano veri e propri “prodigi divini”, un’arma potentissima creata da Mosé per consolidare il suo potere sugli Ebrei e spingerli verso il progresso e la civiltà, sfruttando la loro stessa superstizione.

Secondo questa suggestiva e fantascientifica ipotesi Mosé, principe egizio, sarebbe stato in possesso della scienza segreta dei sacerdoti egiziani, che essi avrebbero ereditato dai superstiti di Atlantide, i veri fondatori della civiltà egiziana. Un’ipotesi del genere non può non suscitare reazioni violente dato che, se fosse vera, risulterebbe che l’Ebraismo, e con esso tutte le religioni monoteistiche, sarebbero nate da un abilissimo imbroglio. Hancock però non è mosso dall’intento di screditare il monoteismo, quanto piuttosto dalla speranza di trovare le tracce di una passata civiltà tecnologica sulla Terra, come Wilson e tanti altri.

Credo che nessun altro mito, oltre a quello di Atlantide, sia stato altrettanto sfruttato, abusato, distorto, ampliato indebitamente, torturato e smozzicato in ogni maniera possibile e immaginabile, a tal punto che ormai è diventato qualcosa di difficilmente identificabile, se non per il nome. Sul conto di Atlantide è stato detto tutto e il contrario di tutto, e questa terra mitica è stata individuata praticamente in tutti i luoghi della Terra, comprese le sabbie del Sahara e le terre ghiacciate dell’Antartide! Non ho la pretesa di fare ordine in così poco spazio di un argomento su cui sono state scritte innumerevoli opere nel corso dei secoli; intendo solo cercare di suggerire al lettore una certa rilettura di questo mito, che è di origine strettamente pagana.

2) Natura del nome “Atlantide”

Il nome “Atlantide” è stato introdotto da Platone, e significa “figlia di Atlante”, il gigante della mitologia condannato a sostenere il cielo e trasformatosi poi nel grande monte che porta il suo nome. Nel mito di Atlante è possibile scorgere un’antichissima credenza religiosa: originariamente Atlante doveva essere la rappresentazione di una divinità che risiedeva su quel monte, considerato il centro del mondo, e perciò considerato come il pilastro che sosteneva la volta celeste. La sua non sarebbe quindi stata una condanna, ma una condizione di vita in quanto divinità cosmica, che tiene separati cielo e terra.

(Noto che l’Autore, che pure è chiaramente persona di grande erudizione, non cita – ma forse solo per dovere di brevità – il rapporto intercorso tra Atlante ed Eracle o Ercole).

3) L’Atlante, Monte Cosmico e qualche spunto antropologico

Ma perché gli antichi Greci avrebbero dovuto considerare l’Atlante il centro del mondo, dato che questo monte è così lontano dal loro paese, se questa convinzione non gli fosse stata trasmessa da un popolo che viveva da quelle parti e considerava quel monte come i Greci consideravano il loro Olimpo? Non è possibile che l’Atlante sia il vero modello originario del Monte Cosmico, altro mito diffuso in moltissimi paesi? É importante far notare che gli abitanti dell’Atlante, i berberi, sono una popolazione antichissima, che forse discende dai Cro-Magnon che, provenendo dall’Europa Occidentale più di diecimila anni fa, durante l’ultima glaciazione, hanno mantenuto qualcosa dei caratteri originari dei loro antenati preistorici (molti di loro hanno i capelli e gli occhi chiari, come li avevano tutti i Cro-Magnon). Essi dunque potrebbero essere detentori di miti antichissimi, che sarebbero all’origine di altri, più recenti e più noti.

4) Dove stava realmente Atlantide

Platone afferma che il mito di Atlantide è stato portato in Grecia dall’ateniese Solone, che l’aveva appreso dai sacerdoti egizi della città di Sais. Per secoli si è dibattuto se tale mito fosse stato una pura invenzione di Platone o se davvero esso ci viene dall’Egitto. Negli ultimi secoli, i progressi della geologia, della etnologia, dell’archeologia e dello studio delle mitologie di tutto il mondo, hanno portato alcuni indizi a favore dell’esistenza di Atlantide, anche se ancora nessuna prova certa.

Secondo le teorie più “classiche” – quelle che considerano sostanzialmente vero il racconto platonico – l’Atlantide sarebbe stata una grandissima isola montagnosa e vulcanica posta sulla Dorsale Atlantica, più vicina all’Europa e all’Africa che alle Americhe, e circondata da altre isole minori, che facevano da “ponte” fra l’isola maggiore e i vari continenti. Tali dati sono stati ricavati dagli studi di geologia che hanno stabilito che in effetti un tempo, fino a diecimila anni fa, esistevano grandi isole nell’Atlantico.

Questo grande arcipelago sarebbe stato popolato da uomini di razza Cro-Magnon provenienti dalla penisola iberica e dal Marocco, cioè dalla regione dell’Atlante. L’idea che essi avrebbero potuto creare una civiltà di un certo livello in quelle regioni appare abbastanza credibile, se pensiamo che tutte le grandi civiltà sono sorte sulle rive di bacini mediterranei e dove c’erano grandi arcipelaghi. Il mare di fronte alle Colonne d’Ercole era appunto un bacino mediterraneo, chiuso fra Europa, Africa e le isole atlantiche.

5) Atlantide e i Cro-Magnon

I Cro-Magnon, antenati dei moderni Europei, la cui cultura era dotata di notevoli capacità artistiche per l’epoca, e appartenenti a una razza alta e robusta, dai capelli e dagli occhi chiari, avrebbe creato una civiltà dai caratteri ben specifici: essa sarebbe stata presumibilmente di tipo teocratico, per quanto riguarda l’ordinamento sociale e culturale, di tipo marittimo per quanto riguarda l’economia, e megalitico per quanto riguarda l’architettura (dalla sua architettura sarebbero derivate le piramidi egizie e messicane, gli obelischi, i nuraghi sardi, i megaliti di Malta, delle Canarie, delle Isole Britanniche e della Bretagna). Questi caratteri si dedurrebbero sia dai miti che riguardano Atlantide, sia dai caratteri comuni più frequenti fra le culture che presumibilmente hanno ricevuto influenze da essa.

Tale civiltà, secondo la leggenda, sarebbe sorta all’incirca ventimila anni fa, e sarebbe scomparsa attorno al 10.000 a. C., cioè sarebbe durata ben ottomila anni, lasciando tuttavia degli eredi sia nel Nord Africa che nell’Europa Occidentale a oriente, e nelle Americhe a occidente. Da tali eredi, migliaia di anni dopo, sarebbero derivate, in maniera indiretta, le prime civiltà a noi conosciute.

Sarebbero moltissimi i popoli e le culture che avrebbero conservato tracce e influenze più o meno consistenti di questa “civiltà madre”: gli Egizi, i Sumeri, gli Etruschi, i Celti, i Cretesi, i Sardi e altri popoli italici (l’Italia della regione tirrena, secondo la tradizione, sarebbe stata la più orientale delle colonie atlantidi) la civiltà senza nome dell’Indo, gli Olmechi, gli Aztechi, gli Incas, i Maya, gli Apache, l’isola di Pasqua, le civiltà africane del golfo di Guinea, per fare gli esempi più illustri o più noti.

Coloro che invece sarebbero più strettamente imparentati con gli Atlantidei, a tal punto da esserne i diretti discendenti, sarebbero invece i Baschi, i Berberi del Marocco, i Tuareg, l’estinto popolo dei Guanci delle isole Canarie, (gli unici discendenti “puri”, che conservarono le originarie caratteristiche cromagnoidi, a sentire gli antropologi) gli antichi Libici (che gli Egiziani descrivevano come bianchi, dai capelli rossi e dagli occhi azzurri) e la misteriosa civiltà della perduta città di Tartesso in Spagna, che, da quel che si ricava dal mito di Platone, avrebbe dovuto essere addirittura uno dei dieci regni dell’impero di Atlantide.

Forse anche gli antichi Danesi dell’isola di Helgoland erano discendenti della civiltà atlantidea, come potrebbero dimostrare certe misteriose rovine di pietra sprofondate intorno alle coste dell’isola, e che alcuni identificano con la mitica civiltà degli Iperborei o dei Cimmeri, o con l’altrettanto mitica Scheria, l’isola dei Feaci ai confini del mondo, di cui si parla nell’Odissea. Secondo una suggestiva ipotesi storica basata sulle cronache egiziane, gli Iperborei, mitico popolo del Nord, provenendo da Helgoland (la “Terra dei Santi”, come vuol dire il nome) tremiladuecento anni fa, avrebbero tentato l’invasione del Mediterraneo per via marina, dando origine alla leggenda dell’invasione degli Atlantidei in Grecia, di cui parla Platone.

6) La lingua atlantidea

Si teorizza che la lingua di Atlantide sarebbe stata una forma arcaica della lingua basca, e perciò non c’entrerebbe niente con le lingue indoeuropee, con buona pace di chi vorrebbe considerare l’Atlantide la culla della civiltà ariana.

7) Riti atlantidei e loro permanenza

Tale Dio (NdiZ: Poseidone o altra divinità identificabile con Poseidone) esigeva sacrifici di tori, e si può dire che, se il racconto di Platone appartiene almeno a grandi linee alla verità, questo corrisponderebbe a ciò che conosciamo della cultura Cro-Magnon e delle culture preistoriche dell’Europa e del Mediterraneo. Le splendide pitture della grotta di Altamira in Spagna, che dimostrano uno sviluppo di capacità artistiche incredibile per quei tempi, mostrano un culto magico della caccia all’uro, specie di bovino ora estinto, parente prossimo del toro, fonte di sostentamento per le tribù di quell’epoca e di quel paese. Si può quindi immaginare che, se una civiltà si è sviluppata progressivamente da quelle tribù, emigrate sulle isole dell’Occidente, esse abbiano conservato i simboli di quel culto magico propiziatorio, da cui era originariamente dipesa la loro sopravvivenza.

Infatti Platone descrive un rito religioso dei re di Atlantide, che appare proprio una simbolizzazione di tale culto magico. Il rito si svolgeva alternativamente ogni cinque e ogni sei anni, quando i dieci re-sacerdoti si riunivano nel tempio di Poseidone, sull’acropoli della capitale, per sacrificare un toro dopo averlo affrontato in una specie di “corrida”: i tori venivano liberati all’interno del tempio, poi i dieci re, armati solo di legni e reti (simboli di un’epoca primitiva in cui i tori venivano catturati appunto così dai cacciatori), catturavano uno dei tori, e lo sacrificavano sull’altare del Dio-antenato. Si noti che Poseidone aveva fra le sue immagini quelle del toro, tant’è vero che, nella mitologia greca, il toro che si unì a Pasifae, regina di Creta e sposa di Minosse, generando il Minotauro, doveva essere sacrificato proprio a Poseidone.

8 ) Religione atlantidea, le Esperidi, l’Orsa Maggiore

Proviamo ad immaginare come avrebbe potuto essere la religione di Atlantide, quella nell’Atlantico, se sono vere le supposizioni di alcuni ricercatori e se le antiche leggende hanno un fondamento. Platone dice che il primogenito di Poseidone e il primo re di Atlantide, era stato Atlante. Il mito greco dice però che Atlante, il gigante che sostiene il cielo, aveva avuto sette figlie, le Atlantidi appunto, che dopo morte erano state assunte in cielo ed erano divenute le Pleiadi, che si trovano appunto nella costellazione del Toro.

La leggenda le vuole anche trasformate in sette isole nello Oceano, oltre che madri di una stirpe di eroi e guardiane del giardino delle mele d’oro, sulle pendici dell’Atlante, il giardino delle Esperidi, appunto. Esperide significa “figlia dell’Ovest” e indica l’appartenenza di queste divinità al mondo dell’Occidente. Nel Sahara, antichissima sede dei Tuareg che dicono di provenire da Atlantide, è stato attestato questo culto delle Pleiadi, da certi graffiti preistorici che rappresentano tale gruppo di stelle.

Un’altra curiosità è che le Pleiadi hanno una disposizione che ricorda in piccolo quella delle sette stelle dell’Orsa Maggiore, tant’è vero che spesso i profani di cose celesti credono che le Pleiadi siano appunto l’Orsa Minore. Ora, l’Orsa Maggiore è uno dei simboli della Grande Madre – Artemide significa appunto “orsa” e come Orsa veniva rappresentata la divinità delle selve.

Inoltre i Celti avevano anch’essi una divinità ursina femminile di nome Artio, ed è indicativo che gli antichi romani chiamassero l’Orsa Maggiore Septem Triones, cioè “sette buoi”, come a indicare ancora un’identificazione o un legame fra una divinità taurina e la Grande Madre Ursina.

I Tuareg del Sahara affermano di discendere da Antinea, ultima regina di Atlantide sopravvissuta alla catastrofe e rifugiatasi in Africa. I Tuareg descrivono Atlantide più o meno nello stesso modo in cui la descrive Platone, ma anziché dire che era governata da dieci re ereditari, essi invece narrano che vi era un’unica regina elettiva, la “Zarma”, l’ultima delle quali sarebbe stata appunto Antinea. Questo tipo di monarchia è tipica delle società matriarcali, e se la civiltà di Atlantide derivava dagli Europei preistorici, notoriamente matriarcali, questa versione appare ancora più verosimile di quella presentata da Platone.

9) Il sangue degli atlantidei

Un particolare importante è dato dal simbolo di Poseidone: il tridente. Ora, pare che il tridente sia in realtà la stilizzazione di una figura umana dalle braccia aperte e levate ad angolo retto, come a voler sostenere qualcosa: la posizione di Atlante che sostiene il cielo, appunto.

A questo si aggiunga una delle divinità dei Celti, i quali affermavano anch’essi di discendere dai superstiti di Atlantide, rifugiatisi sulle coste delle Isole Britanniche e della Bretagna. I Celti sono un popolo indoeuropeo e perciò non dovrebbero avere parentela stretta con la civiltà atlantidea (gli indoeuropei sono originari dell’Est europeo, originariamente lontani dal mondo mediterraneo e atlantico), ma si consideri che le popolazioni celtiche in Francia, Spagna e Isole Britanniche nacquero dalla mescolanza fra le popolazioni indoeuropee di tipo nordico – che ne costituivano l’aristocrazia – con le sottomesse popolazioni non indoeuropee, di origine preistorica e legate al mondo del Nord Africa.

L’analisi genetica delle popolazioni dei Gaelici (Scozzesi e Irlandesi), dei Gallesi e dei Bretoni dimostra poi la loro consanguineità con i Baschi, con cui condividono, cosa molto particolare, il gran numero di individui con il fattore Rh negativo nel sangue, caratteristica che dovevano avere in comune tutti gli Europei preistorici, prima delle numerose invasioni dall’Asia.

I Celti quindi, se Atlantide è veramente esistita, avrebbero buoni motivi per considerarsi discendenti dalla sua razza cromagnoide, anche se la loro lingua è indoeuropea. Anche presso i Celti c’era il culto del toro, il Dio Tarvos Trigaranos, il Toro Tricorno: tricorno come può esserlo un tridente. Questo culto doveva essere importante, se ha forse lasciato delle tracce in alcune delle principali città italiane, se guardiamo ai loro nomi originari: Treviso = Tarvisium, Trento = Tridentum, Torino = Taurinum.

10) Simboli atlantidei

Si noti però che, a Creta e in altre regioni del mediterraneo, anche le rappresentazioni della Grande Madre, a braccia aperte e alzate, mentre regge dei serpenti (il serpente è l’altra immagine del Dio paredro della Grande Madre nella preistoria mediterranea, più fallica di quella del Grande Dio Cornuto), raffigurano una posizione della Dea simile a quella di Atlante. Da tali raffigurazioni è poi venuto anche il simbolo della croce ansata, l’ankh egiziano: la Grande Dea Madre che apre le braccia a tutti i suoi figli, dando loro la vita eterna. Il tridente potrebbe essere quindi sia il simbolo del Grande Dio Cornuto come anche della Grande Dea Madre.

Si profila dunque quella che avrebbe potuto essere la vera religione degli Atlantidei, derivante da quella dell’Europa preistorica e antesignana di quella delle prime civiltà mediterranee, da lei derivate. Gli Atlantidei, se sono esistiti, adoravano presumibilmente il Grande Dio Cornuto in forma di Toro Celeste, come Essere Supremo. Ma accanto ad esso ci doveva essere anche una manifestazione della Grande Dea Madre, sua sposa, sua madre o addirittura sua figlia, adorata in forma di Vacca oppure di Orsa.

11) Ricordi dell’apocalisse?

Queste divinità fondavano un culto stellare e celeste, che aveva sede presumibilmente sull’Atlante, ma esse erano anche legate all’acqua, al mare, poiché era il mare la fonte della potenza economica del regno di Atlantide. É interessante notare come fra alcuni degli Indiani d’America, presso i quali sembra che esista anche lì il mito di Atlantide, abbiano un mito secondo cui al centro dell’universo esiste un grande bufalo, le cui zampe sono i piloni che sostengono la terra sull’abisso di acque: il giorno in cui le gambe crolleranno, consumate dalle acque, il mondo sarà sommerso dal diluvio. Si potrebbe pensare che si tratti di una rappresentazione del Dio-Toro-Atlante, che manifesta la paura rimasta agli eredi di Atlantide di là dall’oceano, di venire sommersi da un nuovo diluvio.

Si ricordi che anche i Celti pare fossero terrorizzati dalla credenza di una possibile futura catastrofe che avrebbe potuto far crollare il cielo. Un altro possibile dato sulla religione degli Atlantidei è data dai culti degli Yoruba della costa della Guinea, i quali, pur vivendo sulla costa atlantica, hanno una cultura che deriva da quella dei popoli nilotici e perciò può avere dei legami con quella egiziana. Essi adorano un Dio chiamato Olokun, l’Essere Supremo dello universo, da identificarsi con l’Ologum delle religioni afrobrasiliane, il quale ha al di sotto di lui sette divinità, gli Orisha, ognuno legato ad un diverso pianeta e a un diverso giorno della settimana. Come non fare un raffronto fra Olokun e gli Orisha da un lato e Atlante con le sue sette figlie? É significativo poi il fatto che i sacerdoti di Olokun si vestivano di azzurro, colore del mare e del cielo, esattamente come i re di Atlantide e come fanno ancora i Tuareg, che vengono detti “gli uomini blu”.

Il gruppo di otto divinità (o di nove) è tipico poi della religione egizia, che credeva appunto in una Ogdoade o Enneade di divinità supreme, capeggiata da un Dio Padre supremo o da una Dea Madre, a seconda della città in cui veniva adorato questo gruppo di Dei.

12) Una religione matriarcale?

Sforzando un po’ la fantasia, forse troppo, si può immaginare che Atlantide abbia avuto una religione enoteistica, forse inizialmente di tipo più matriarcale, e in seguito, con l’evolversi di questa civiltà, sempre più patriarcale, fino al punto di considerare la Grande Dea Madre come semplice intermediaria, sottoposta al Dio Supremo, che all’inizio era solo il suo paredro, seguendo più o meno lo stesso processo che sarebbe avvenuto nelle religioni politeistiche mediterranee e mesopotamiche.

Anche la monarchia atlantidea, all’inizio matriarcale ed elettiva, si sarebbe progressivamente trasformata in una dinastia sempre matriarcale, ma con una maggiore valorizzazione della figura dello sposo della regina (o delle dieci regine). Pare che anche i Guanci delle Canarie avessero avuto dieci re elettivi.

Non c’è motivo per pensare che Atlantide sia stata una civiltà di tipo monoteistico, eppure c’è stato chi, facendo paragoni fra Atlantide e i racconti della Genesi, ha voluto immaginare che il mitico regno sia stato fatto sprofondare dalle acque del Diluvio Universale, perché si era ribellato ai sacri dettami dell’Unico Dio, cioé il Dio delle religioni monoteistiche. Tale moralismo era già presente nel mito platonico, secondo cui gli Atlantidei erano stati puniti per il loro attaccamento alle ricchezze accumulate con il loro immenso impero marittimo, che a suo dire dominava tutto l’Atlantico e parte del Mediterraneo.

13) Ma quando è sprofondata Atlantide?

Scientificamente parlando, le terre dell’Atlantico, la cui passata esistenza pare ormai indubbia, sarebbero sprofondate per un innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento dei ghiacciai, cosa dimostrata dal fatto che in effetti l’ultima glaciazione sarebbe finita proprio nell’epoca del mitico sprofondamento di Atlantide: 12.000-10.000 anni fa circa. Si tratterebbe dunque di un fenomeno assolutamente naturale, dovuto a una serie di fattori come il variare dell’intensità dell’attività vulcanica di tutta la Terra e quella delle radiazioni solari, senza bisogno di scomodare castighi divini di vario tipo.

14) Atlantide vista da Cayce e Von Daniken

L’articolo (avrete capito che a me è piaciuto molto!) termina con una critica serrata nei confronti di personaggi come Cayce, Von Däniken e i “ricercatori dell’archeologia spaziale” i cui vaneggiamenti, secondo Piero Trevisan, hanno avuto l’unico risultato che oggi nessun archeologo è disposto a prendere sul serio la teoria di Atlantide, perlomeno quella descritta da Platone.

Se volete leggere l’articolo nella sua interezza, lo trovate QUI.



Annunci

13 aprile 2010 - Posted by | Storia

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: