Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Il Pantheon: il tempio dell’Energia e dei misteri (1)

Ho scritto poche cose sul Pantheon in Una breve riflessione su Mysterium. Aggiungo ancora qualche altra breve considerazione sullo straordinario monumento che si ritiene sia stato iniziato da Agrippa e terminato dall’Imperatore Adriano…

Il luogo della sua costruzione, per i Romani, era davvero sacro. Secondo la leggenda, il “primo” Pantheon sarebbe stato edificato sul luogo dove Romolo ascese in cielo durante una cerimonia religiosa. E’ certo che quello che si visita oggi sia non il primo, ma addirittura il terzo Pantheon, quello ampiamente rifatto da Adriano. Publio Elio Traiano Adriano noto semplicemente come Adriano nacque a Italica, presso l’attuale Siviglia, in Spagna il 24 gennaio 76 e morì a Baia, il 10 luglio 138. Un uomo straordinario, come il grande tempio da lui pensato e costruito.

Sembra (ma il verbo è d’obbligo!) accertato che il Pantheon, il tempio di tutti gli Dei, sia stato dedicato alle sette divinità planetarie:

Sol (cfr Il suono del Sole!)

Lvna

Mercvrivs (pronuncia: mercùrius cfr Il suono di Mercurio!)

Venvs (pronuncia: uènus cfr Il suono di Venere!)

Mars ( cfr Il suono di Marte!)

Ivppiter (pronuncia: iùppiter cfr Il suono di Giove (ma è solo un gioco!?…)

Satvrnvs (pronuncia: saturnus cfr Il suono di Saturno!)

Nelle sette nicchie interne, che sono alternativamente circolari e rettangolari, erano poste le statue delle sette Divinità Planetarie. Perché questa alternanza? Con quale significato? Dove era collocata ciascuna Divinità Planetaria? Non lo sappiamo e forse mai lo sapremo … Purtroppo.

Nel 27 aC, Marco Vipsanio Agrippa, il valoroso generale, che era un grande amico di infanzia e di gioventù di Augusto (entrambi avevano militato sotto Cesare come ufficiali di cavalleria), di cui aveva perfino sposato la figlia Giulia, eresse il Pantheon nella prima versione, che, nelle sue intenzioni, doveva essere dedicato ad Augusto stesso. Fu in seguito alla distruzione di questo primo Pantheon a causa di un incendio, che Adriano lo ricostruì, rimaneggiandone ampiamente la struttura iniziale, tra il 118 e il 124 dC. Sembra che addirittura ne girò l’orientazione, inizialmente verso Sud, con quella attuale verso Nord. Perché lo fece? Si crede per ragioni urbanistiche e/o estetiche. E’ possibile, ma, a mio modestissimo avviso, improbabile. La ragione doveva essere molto importante, soprattutto se si considera la personalità del geniale Adriano.

La cupola presenta un foro del diametro di circa 9 m. detto oculus (occhio). Che significa energeticamente ed esotericamente l’oculus? Ne tenterò un’analisi, ben sapendo che si tratterà solo di un vago quanto impreciso abbozzo.

1) L’oculus è, da un punto di vista architettonico, l’insieme delle chiavi di volta delle travi che formano la gigantesca cupola. La cupola romana è un inviluppo di archi (semi-archi!) che crea un cerchio: la chiave di volta. Sul concetto di arco e sul suo profondo significato simbolico ed esoterico vedi Numeri. Il Filetto e la Dama… Sono solo giochi? (6).

2) Come loro abitudine, i Romani “animavano” le chiavi di volta degli archi principali di monumenti, ponti, archi di trionfo. Tramite appositi riti dei quali quasi nulla sappiamo oggi, essi erano in grado di creare delle “Impronte Energetiche Divine“. L’oculus del Pantheon è per l’appunto sede delle “Impronte Energetiche” delle sette divinità planetarie su descritte. Dall’oculus entra l’Energia che viene “modulata” dalle Divinità Planetarie in esso presenti. In altre parole: l’oculus è un gigantesco R2, forse uno dei più potenti del mondo. Per l’esattezza, l’oculus all’esterno è un R6, all’interno un R2.

3) Il monumento fu concepito – secondo l’ottimo studioso Aldo Tavolaro grande ricercatore dei misteri di Castel del Monte – come una sfera celeste, in cui l’oculus rappresenta il Sole e l’interno della cupola le altre sei divinità planetarie. Sempre secondo lo studioso pugliese, il grande cornicione che divide l’aula dalla cupola rappresenta l’equatore celeste. Il tutto è progettato in modo che il Sole, durante gli equinozi, tagli il cornicione proprio come taglia in quel giorno l’equatore celeste. Vedi anche Is the Roman Pantheon a colossal sundial?

4) Una “stranezza” del Pantheon è la sua orientazione che non è esattamente verso il Nord geografico, ma se ne discosta di 5° verso l’Ovest. Perché? Un errore? Per gli Etruschi e per i Romani, il Nord-Ovest era una direzione infausta. Non credo né che si tratti di un errore di progettazione (con i Romani? ma quando mai!), né che abbiano ignorato la disciplina che regolava la sacralità dello spazio e della terra. C’è sicuramente una ragione forte che ha dettato questa “strana” orientazione. Purtroppo noi non la conosciamo. Secondo il Tavolaro questo scarto, che è esattamente identico a quello di Castel del Monte, è pari all’obliquità dell’orbita della Luna. Un caso? Forse. Tavolaro è un’autorità, ma forse la ragione è ancora un’altra…

5) Questa sfera e l’oculus sono in rapporto armonico ed energetico (ovvero sono in R4) con il pavimento, che rappresenta il vero e proprio templum, ovvero lo spazio sacrale. Non dovrei neppure sottolineare il fatto che la struttura del pavimento non nasce da considerazioni puramente estetiche (come credono i moderni), ma ha profondi significati esoterici ed energetici, dei quali converrà riparlare ampiamente in seguito. Dico di più: il pavimento del Pantheon nasconde i segreti più formidabili, che io conosco nel campo dell’Energia e, scoprirli, è stato per me fonte di stupore e di infinita ammirazione … Parte dell’Energia “aspirata” dall’oculus entra in profondità e si distribuisce nel pavimento, caratterizzato da una complessa geometria. Di fatto, è un potente R6 ma è anche altro. Molto altro. (vedi anche Il suono di Gaia! (2)

Quanto sopra è solo un approccio minimalista al Pantheon, che io considero uno dei massimi centri energetici del mondo. Forse il massimo. Certamente quello che contiene i segreti più incredibili …

(segue)

© Roberto Zamperini

_______________________________

NOTE:

Consiglio la lettura o la rilettura di

La musica nei santuari preistorici

E’ sempre Mysterium, ma in una nuova veste …

Un suono misterioso: Mysterium!

I Sette Raggi: il Quarto Raggio, madre di tutte le Energie d’Oro (1)

16 giugno 2010 - Posted by | Domoterapia Sottile, Energia dei Numeri, Energie Sottili, Musica | , , , , , , , , , , , , , , ,

1 commento »

  1. Ci sono stato sabato. Si è trattato di una esperienza veramente intensa, perchè un conto è visitare il Pantheon da semplice turista, un altro testare accuratamente gli effetti della sosta su determinate aree della pavimentazione. Nei livelli più avanzati dei corsi tev Roberto ci avvicina ai segreti formidabili della pavimentazione citati nell’articolo. I miei frequenti viaggi a Roma, da quando ho avuto l’onore di apprendere queste nuove conoscenze, lasciano anche al ritorno una forte impronta e per questo te ne sarò sempre grato caro Roberto. Zucchetti Roberto

    Commento di roberto zucchetti | 26 luglio 2011 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: