Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Hamer e una mia modestissima esperienza

Molti, molti anni fa, quando mi capitava di lavorare su un malato di cancro, sentivo sempre un gran caldo in qualche zona del cervello, insomma, percepivo un focus. Allora, avvertivo il paziente di avvisare il suo medico e di fare una TAC al cervello, temendo una metastasi cerebrale. Risultato: il paziente tornava e, guardandomi tra il perplesso e l’accusatore, mi confermava che nel suo cervello non c’era proprio nulla di male. Dopo il quarto, quinto paziente, pur continuando a sentire “un gran caldo in qualche zona del cervello”, smisi di avvisare i pazienti e tenni per me le mie percezioni.

Dopo molti anni, lessi di Hamer e delle sue TAC cerebrali e mi dissi: Ahah! Capito!

PS: Il focus è costituito da Focus (uno dei quattro elementi) irritato.

2 novembre 2010 - Posted by | Musica | ,

4 commenti »

  1. e te pareva…

    Commento di mario puccioni | 2 novembre 2010 | Rispondi

  2. Se scambiamo granchi per aragoste per me va bene ma scambiare i cerchi di hamer per certezze dei focus.
    La percezione dei focus con il palming, non ha niente a che vedere sul riscontro della tac.
    Semmai una rmn potrebbe far vedere i focus, ma molto probabilmente il rumore di fondo è troppo per far vedere i focus.Con questo non dico che non esistono , ma non possono esser scambiati con degli artefactring.
    Potrei accodarmi a tutto il coro degli entusiasti per hamer.Ma, combatttere la big pharma con tutti i suoi sotterfugi con una teoria che cerca di mettere tutti contro tutti. .
    Risultato : abbiamo un valido strumento che dobbiamo ancora evolvere , la TEV .

    Commento di marco Innocenti | 3 novembre 2010 | Rispondi

    • Un’opinione di cui tener conto …

      Potresti, per favore, approfondire meglio i concetti che esponi? (Non tutti siamo esperti di imaging). Ti saremmo tutti grati, perché vogliamo capire.

      Commento di Roberto Zamperini | 3 novembre 2010 | Rispondi

  3. http://it.wikipedia.org/wiki/Ring_artifact

    Questi sono degli esempi dei ring .

    Ho la sensazione che i focus non sono a cerchio ma semmai a macchia, come mostrano le rmn funzionali usate in neuropischiatria per studiare il funzionamento del cervello. Nella rivista “Le Scienze” di qualche mese fà c’era un articolo che in neuropischiatria è in atto una rivoluzione.
    Nelle cellule del nostro corpo esistono molti tipi di recettori,con molteplici funzioni. Ma guarda caso questa moltitudine di recettori si trova anche nelle cellule del nostro cervello.
    Un esempio ,l’ATP non solo la moneta energetica della cellula ma anche un neurotrasmettitore che comanda moltissime cose sia all’interno che all’esterno della cellula. E anche l’apostosi di una cellula è comandata da una cascata di comandi innescati dalle concentrazioni dell’APT.
    Naturalmente tutti questi recettori sono presenti nella centralina di controllo ” cervello:

    Commento di marco innocenti | 3 novembre 2010 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: