Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Le inversioni dei poli magnetici e il nucleo eccentrico

Vedi anche Inversioni molto rapide del campo magnetico terrestre

Campo magnetico e inversioni dei poli: il nucleo è eccentrico?

L’origine del campo magnetico della Terra rimane uno dei misteri più importanti ma inspiegabili nella scienza planetaria. Non vi è inoltre alcuna spiegazione davvero convincente per le inversioni dei poli magnetici, che pure sono ben registrate nei giacimenti minerari magnetizzati in tutto il mondo. Dato che le osservazioni dimostrano che il campo magnetico terrestre ha origine nel nucleo, si suppone che si tratti di un nucleo concentrico composto da alcune leghe di elementi ferromagnetici. Tuttavia, questa convinzione non può spiegare lo spostamento dei poli magnetici seguito da lunghi periodi di stabilità.

Un nucleo eccentrico carico elettricamente sembra offrire una spiegazione semplice ed elegante dell’origine del magnetismo planetario. I cambiamenti temporali della carica elettrica di questo nucleo eccentrico, sembrano poter spiegare le inversioni dei poli magnetici e il fenomeno del loro spostamento. Si tratta in entrambi i casi  di fenomeni che sono stati osservati anche in oggetti stellari, come il Sole e in altri pianeti. Si crede che questi nuclei, così come quello della Terra, siano dei veri e propri reattori nucleari a fissione che generano calore come risultato del decadimento degli atomi radioattivi in essi contenuti.

Sulla base del meccanismo sopra descritto di generazione di campo magnetico si può anche concludere che:
  • I pianeti che non hanno lune e un lento spin, cioè ruotano lentamente attorno al proprio asse, dovrebbero avere un campo magnetico debole
  • I pianeti con più lune dovrebbero avere un campo magnetico complesso che muta nel tempo
  • I pianeti e i satelliti che sono agganciati in fase al loro partner in orbita dovrebbero avere un campo magnetico debole.
  • Maggiore è il rapporto di massa tra i partner orbitanti, più grandi dovrebbero essere i cambiamenti temporali osservabili.

La teoria attualmente adottata prevede la possibilità di “rigonfiamenti di marea” del nucleo, indotti dall’orbita del partner. Si crede anche che il nucleo stesso del Sole sia eccentrico. L’evidenza dello scambio di coppia tra la Terra e la Luna, ottenuti da misurazioni laser lunare, sembra suggerire che entrambi i corpi abbiano un nucleo eccentrico.

Dissipazione dell’energia cinetica della rotazione.

Il lavoro fatto dalle forze idrodinamiche ed elettromagnetiche, indotta da un nucleo eccentrico, fornisce un meccanismo della dissipazione dell’energia cinetica di rotazione. A causa di questo meccanismo pianeti e stelle con nuclei eccentrici dovrebbero gradualmente rallentare la loro rotazione e alla fine smettere di girare intorno al proprio asse. La nostra Luna sembra essere in una situazione del genere. La topografia dettagliata della Luna ottenuta dal satellite lunare  Clementine nel 1997 indica che il centro di massa della luna è davvero eccentrico, rispetto alla superficie esterna della Luna, di circa 1,9 km. Non sorprende che questa eccentricità sia puntata verso la Terra,- l’oggetto celeste più vicino alla Luna.

10 gennaio 2011 - Posted by | Ambiente, Chakra, Domoterapia Sottile

1 commento »

  1. Molto molto interessante. Grazie Roberto, non conoscevo questa teoria davvero “semplice ed elegante”…

    Commento di Giovannone | 10 gennaio 2011 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: