Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Come usare il Cleanergy

Molti, come Roby, mi chiedono dei chiarimenti sull’uso del Cleanergy. Volentieri rispondo …

A) Bonificare una stanza

1) MK 14.08 e MK 10.10 sono più diversi tra loro, che non MK 10.10 e MK 07.11. Il punto 2.1) di quanto da me scritto in Arriva il nuovissimo Midi Cleanergy 07.11! vale anche per il MK 10.10 ma molto meno per il MK 14.08. Ne discende che, se utilizzi il Cleanergy in “posizione di Domoterapia” (cioè per bonificare una stanza) sia  il MK 10.10 sia il MK 07.11 vanno messi con la faccia OUT verso l’alto. Ovviamente, non dovete pensare che, così facendo, avete risolto tutti i vostri problemi di Domoterapia Sottile!

2) Se, come chiede Roby, il Cleanergy l’avete messo sotto il letto, sappiate che alla distanza di un metro la “rosa” creata dall’energia del Cleanergy è di circa 40/50 cm. Quindi se volete che il Cleanergy “spari” su di voi, prendete bene la mira!

3) Nonostante che il MK 07.11 sia dotato di una potenza ragguardevole, il Midi Cleanergy NON nasce come strumento di Domoterapia Sottile. E’ bene che si sappia e si ricordi. Gli strumenti di Domoterapia Sottile sono essenzialmente questi tre:

Fig 1 - Il Maxi Cleanergy

3.a) Il Maxi Cleanergy è “specializzato” nei nodi Hartmann e Curry e nell’energia della faglia, poiché la sua energia si diffonde attraverso il cemento armato dell’abitazione. Così facendo nodi e energie-faglia sono, per così dire, espulsi dal suo perimetro d’azione e in gran parte trasmutati. Per ricordare in modo semplice: l’energia del Maxi Cleanergy si diffonde quasi soltanto attraverso la materia solida. Ne consegue che, ferme restando altre condizioni, come le dimensioni delle stanze e la quantità delle congestioni da smaltire, la sua azione passa abbastanza agevolmente attraverso i muri.

Fig. 2 Antenna Zamperini

3.b) L’Antenna Zamperini è uno strumento “specializzato” nelle congestioni che si diffondono attraverso lo spazio, come l’energia-acqua, le congestioni elettromagnetiche (EM), le congestioni biologiche. La potenza della AZ è incredibile: ne ho utilizzata una in una grande sala d’albergo di circa 200 mq e puliva tutto tranquillamente. Si ricordi che, attraverso le EM passa di tutto: che vediate o no la TV, le emozioni che trasporta vi entrano comunque dentro casa. Nulla è meglio della AZ per il bioplasmoide creato dalle CFL (provate e vedrete!). Per ricordare in modo semplice: l’energia della Antenna Zamperini si diffonde attraverso lo spazio (quindi attraverso l’aria). Ciò pertanto, un muro può bloccare la sua azione. Attenzione: l’Antenna Zamperini funziona solo se in verticale o quasi in verticale. Non la mettete in orizzontale.

3.c) L’Electro Cleanergy è uno strumento “specializzato” nelle congestioni che trasportano i fili della corrente. Per capirci: attraverso i fili non passano solo le congestioni EM, ma anche molto di più. Pensate al flusso della corrente come un fiume che assorbe ciò che incontra e quindi trasporta di tutto, comprese le congestioni psichiche e quelle biologiche. E’ difficile in poche righe esaurire l’argomento, ma immaginate che i fili della corrente vi portino dentro casa anche le congestioni dei vicini. Lo stesso si dovrebbe dire a proposito delle fibre ottiche. Un discorso a parte meriterebbe la linea telefonica (pensate al web e a quelle che veicola!). Per ricordare in modo semplicel’energia dell’Electro Cleanergy si diffonde attraverso i cavi dell’elettricità. Il campo d’azione dell’Electro è una stanza di circa 5 x 5 o 6 x 6 purché non stracarica di congestioni.

Fig. 3 - Electro Cleanergy

4) E’ buona cosa fare come Roby che mette il Midi Cleanergy sotto il letto? Certo! E’ un’ottima abitudine, purché si tengano presenti le dimensioni dell’energia che esce dallo strumento, altrimenti si pulirà il letto, invece che la persona! Vedi punto 2) di questo stesso articolo.

Fig 4 - La tecnica della "spugna" eseguita con il Midi

B) Usarlo su se stessi

Non fate come tanti che se lo tengono nella borsa o nella borsetta: pulirete solo il portafoglio! (Non che sia sbagliato, ma insomma …) Il modo migliore, se non si usano le tecniche descritte nell’Introduttivo TEV o nel libro Anatomia Sottile (tecnica della spugna in fig. 4) o secondo le istruzioni contenute nel Manuale, è quello di piazzarselo in proiezione (OUT verso il corpo) dentro le mutandine! In tal modo, il Cleanergy agirà sul chakra basale. Sentirete subito la differenza e dopo un po’ non riuscirete a farne a meno (= droga)! Avvertenza: ricordatevi di togliervi preventivamente il Cleanergy quando andate in bagno!

Un’altra ottima posizione è quella sullo sterno: in tal modo si agisce sul chakra del timo.

C) Usarlo per l’acqua da bere

Vedi in questo Blog: Energia Sottile: attivare sostanze con il Cleanergy

D) Usarlo sulle CFL

Vedi in questo Blog:

Ipotesi bioplasmoidi. CFL, il cancro da smog elettromagnetico e altri malanni (GD 15)

I preoccupanti risvolti della diffusione delle lampade fluorescenti: bioplasmoidi di tutto il mondo unitevi! (GD 16)

Per una nuova Domoterapia Sottile: lo sai che la tua lampada fluorescente crea un bioplasmoide vicino a te? (GD 17)

I chakra, le CFL e il bioplasmoide globale (Biogl1)

E) Usarlo nel frigorifero

Ricordate però: sia  il MK 10.10 sia il MK 07.11 vanno messi con la faccia OUT verso l’alto.

F) Usarlo per attivare la frutta

Adesso, che è inverno, usatelo per attivare le arance! Testate prima e dopo: rimarrete sconvolti! Un’unica accortezza: attivando le arance (ancor di più i limoni e poco meno i mandarini) essi produrranno una gran quantità di energia-oro sotto forma di oro potabile. Ottimo, ma da assumere finché c’è il Sole. Di sera o di notte è piombo!

Se avete dei problemi, se non sono stato chiaro, non vi fate scrupoli: il Cleanergy è il mio argomento preferito. Vi consiglio però di sentire anche un’altra (ottima) campana: Sonia. Il suo Blog è Sonia Germani Zamperini’s Blog e , per chi non lo sapesse, vi sta impostando un approccio completamente nuovo della Domoterapia Sottile, vista secondo l’ottica della Naturopatia …

24 gennaio 2011 - Posted by | Ambiente, Chakra, Cleanergy, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Roberto Zamperini, Strumenti, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , ,

40 commenti »

  1. Ti ringrazio, davvero gentilissimo e chiarissimo.
    Non ostante io avessi letto quasi tutti i tuoi libri, trovo in questa tua risposta notizie davvero nuove.
    Sapevo per esempio delle congestioni della rete elettrica ma non del fatto che la corrente elettrica potesse trasportarle.
    Inoltre mi pare di capire che dovrò modificare l’uso del mio MK 10.10 soprattutto in domoterapia.
    Quindi faccia OUT del MK 10.10 e successivi non più in proiezione sul pavimento ma, poggiato a terra ma rivolto diciamo verso la rete del materesasso.
    Grazie ancora davvero chiarissimo

    Commento di Roby | 24 gennaio 2011 | Rispondi

    • De nada. Te l’ho detto: il Cleanergy è il mio argomento preferito!

      Commento di Roberto Zamperini | 24 gennaio 2011 | Rispondi

  2. Come al solito i tuoi commenti sono sempre illuminanti. L’ho sempre sostenuto. Ci trovo sempre nuove informazioni. Insomma, a leggerti c’è sempre qualcosa da imparare.
    Tu dici: “se utilizzi il Cleanergy in “posizione di Domoterapia” (cioè per bonificare una stanza) sia il MK 10.10 sia il MK 07.11 vanno messi con la faccia OUT verso l’alto.”
    Questa è davvero una novità importante, almeno per me, che peraltro sto leggendo per la prima volta.
    Anche perché da lettore accanito dei tuoi libri, ricordo che nel tuo “Terapia della casa”, non fai altro che ripetere che la faccia OUT ma messa in proiezione su materiali molto conduttivi alle energie sottili, come ad esempio i pavimenti in ceramica, in marmo, etc.. (tranne che non sia in legno).
    Solo nel caso del parquet, se ricordo bene si ipotizzava un diversa disposizione del CL.
    Adesso invece questa “nuova generazione” di CL, vanno messi in proiezione verso l’alto, come a proiettare nell’aria, proprio come l’Atenna Zamperini, per agire/decongestionare/pulire su uno “spazio”.
    Mi sà che sono il più tonto tra i non TEVvari.
    Hai scritto: “se il Cleanergy l’avete messo sotto il letto, sappiate che alla distanza di un metro la “rosa” creata dall’energia del Cleanergy è di circa 40/50 cm.”
    Che vuol dire? .
    Capisco che alla distanza di un metro da dove metto il CL mi ritrovo la sua energia, ma non capisco il resto. E cioè: “la “rosa” creata dall’energia del Cleanergy è di circa 40/50 cm”!!!
    Can you explain please?
    “Pensate al flusso della corrente come un fiume che assorbe ciò che incontra e quindi trasporta di tutto, comprese le congestioni psichiche e quelle biologiche.” Beh che dire, imparo sempre cose nuove a leggerti.
    “Nonostante che il MK 07.11 sia dotato di una potenza ragguardevole, il Midi Cleanergy NON nasce come strumento di Domoterapia Sottile. E’ bene che si sappia e si ricordi.” Ci pensavo da tanto, poi però mi sono detto che il CL è uno strumento molto versatile, riuscendo a gestire/lavorare sia sul sistema energetico umano che su quello di un eventuale “spazio”, quale appunto quello abitativo. Credo che questa sia davvero una precisazione importante.

    Ciao dal ripetente di turno.

    Commento di Francesco | 24 gennaio 2011 | Rispondi

    • “Capisco che alla distanza di un metro da dove metto il CL mi ritrovo la sua energia, ma non capisco il resto. E cioè: “la “rosa” creata dall’energia del Cleanergy è di circa 40/50 cm”!!!”
      E’ semplice: il Cleanergy crea in uscita una sorta di cono. A pochi cm di distanza copre più o meno la stessa area dell’OUT del Cleanergy stesso, ma, via via che ti allontani, l’area cresce. Ad un metro è circa 40 cm. Spero di esser stato chiaro. Altrimenti, dillo.

      Commento di Roberto Zamperini | 24 gennaio 2011 | Rispondi

      • Adesso si! Grazie.

        Commento di Francesco | 24 gennaio 2011 | Rispondi

      • Applicando il booster, di quanto aumenterebbe il “cono d’azione” del CL?

        Commento di Giuseppe | 29 aprile 2011 | Rispondi

        • Se per cono intendi l’angolo, la risposta è: nessun cambiamento.
          Se per cono intendi lo spazio di efficacia, la risposta è: stesso spazio (120 cm circa), ma differente efficacia.

          Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

        • Penso che ci siamo capiti.
          Ho realizzato un immagine per vedere se ho capito bene. Puoi vederla cliccando qui sotto:

          Commento di Giuseppe | 29 aprile 2011 | Rispondi

        • “Penso che ci siamo capiti.
          Ho realizzato un immagine per vedere se ho capito bene. Puoi vederla cliccando qui sotto:

          http://www.uptiki.com/images/syhusf5zh7vufgtoq6l.gif

          OK.

          Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

  3. Mi sbaglio o si sta configurando all’orizzonte una “nuova” domoterapia?
    Se volessi allora utilizzare un paio di nuovi Midi per bonificare una stanza, li dovrei posizionare agli angoli con la faccia OUT verso l’alto?

    Commento di Roby | 24 gennaio 2011 | Rispondi

    • “Se volessi allora utilizzare un paio di nuovi Midi per bonificare una stanza, li dovrei posizionare agli angoli con la faccia OUT verso l’alto?”
      Così facendo, proprio come intuiva giustamente Francesco, avresti una “imitazione” dell’Antenna Zamperini. Con la faccia OUT verso il basso una “imitazione” del Maxi Cleanergy …

      Ma attenzione! Come li metti i tuoi Midi? Ricorda il discorso fato con Francesco: “il Cleanergy crea in uscita una sorta di cono. A pochi cm di distanza copre più o meno la stessa area dell’OUT del Cleanergy stesso, ma, via via che ti allontani, l’area cresce. Ad un metro è circa 40 cm.” Andrebbero piazzati in modo da coprire tutta la stanza e non vedo come …

      Con la faccia OUT verso il basso, in effetti, si assiste ad un buon effetto simile a quello del Maxi. Ma tieni presente la diversità di potenza tra i due strumenti: il Maxi è un Cleanergy amplificato. Se vuoi di questo potremmo parlarne …

      Commento di Roberto Zamperini | 24 gennaio 2011 | Rispondi

  4. Praticamente è aumentata ancora di più la versatilità del Midi. In funzione delle problematiche che si affrontano, lo puoi pure utilizzare, seppur con i suoi limiti, a mò di Antenna Zamperini. Oppure volendo come un piccolo Maxi.
    Nell’attesa del mio Maxi, io mi tengo ben stretti (e distribuiti per casa) i miei 4 CL!!!!😉😉

    Commento di Francesco | 24 gennaio 2011 | Rispondi

  5. Afferrato il concetto. Grazie!
    Mi piacerebbe che tu scrivessi qualcosa di più sul Maxi Cleanergy, anche perchè non quasi trovato testimonianze in merito. mentre molti scrivono e dicono sul Midi Cleanergy, nessuno dice (scrive) nulla sulla propria esperineza domestica sul Maxi.
    Il tutto alla luce di quanto hai scritto sui nuovo modo di vedere lo spazio. La mia casa con Maxi diventerebbe una specie di Pantheon? Quindi di Tempio/Spazio Sacro?

    PS
    E’ ovvio che sto esagerando!

    Commento di Roby | 24 gennaio 2011 | Rispondi

    • OK, promesso.

      Commento di Roberto Zamperini | 25 gennaio 2011 | Rispondi

    • Ne parlo poco perché mi scoccia fare la figura del venditore di frigoriferi, però, di tanto in tanto …

      OK, ne parlo. Promesso.

      Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

  6. Le domande e le curiosità sul Cleanergy non sono mai poche. Benchè conosca questo strumento da un pò di anni, non finisco mai di conoscerne gli innumerevoli usi e versatilità.
    Tutto ciò per dire che avrei ancora due domande sul Cleanergy.
    Per adesso ne pongo solo una, per evitare di monopolizare la discussione.

    DOMANDA
    Girando sul Web, si trovano immagini del Cleanergy con Booster e Legami, utilizzato per pulire farmaci, fiori di bach, oggetti personali, cristalli, etc…., e fin qui tutto normale.
    Il fatto è che in queste immagini si vede il Cleanergy sempre poggiato (nel suo lato IN) su una piccola lastra di Shungite.
    Ti chiedo: questa Shunghite, migliora davvero le prestazioni del Cleanergy? o lo posso appoggiare tranquillamente sul tavolo in legno senza comprometterne in maniera apprezzabile le funzionalità?
    Vale optime (ho scritto giusto?)
    Grazie Francesco

    Commento di Francesco | 25 gennaio 2011 | Rispondi

  7. “Il fatto è che in queste immagini si vede il Cleanergy sempre poggiato (nel suo lato IN) su una piccola lastra di Shungite.
    Ti chiedo: questa Shunghite, migliora davvero le prestazioni del Cleanergy? o lo posso appoggiare tranquillamente sul tavolo in legno senza comprometterne in maniera apprezzabile le funzionalità?”

    Leggende metropolitane. Davanti a me una piccola sfera di Shungite che dovrebbe servire a decongestionare non so cosa. Mi è stata regalata. Testata, l’ho trovata lurida. Dalla nascita? L’hanno sporcata? E’ nata sporca? Boh. Per non sapere né leggere né scrivere e per divertimento ci ho messo sotto un Cleanergy 07.11 da un mese. E’ sporca come prima.

    Vale Optime In Pace Deorum, Amice. (ah ah ah!)

    Commento di Roberto Zamperini | 25 gennaio 2011 | Rispondi

    • Dimenticavo: quando dici “sul Web si vede sempre” attento: questo non significa nulla, perché ognuno col Cleanergy ci può fare ciò che crede. Giusto? Anche utilizzarlo con la Shungite …

      Commento di Roberto Zamperini | 25 gennaio 2011 | Rispondi

  8. Certo! io per esempio mi sto attrezzando per farci il caffè… 😉 🙂 !

    Commento di Francesco | 25 gennaio 2011 | Rispondi

  9. In “Energie Sottili” proponi di usare le Memorie Energetiche, appoggiandoci i pollici. Tale uso è ancora valido? E lo stesso Cleanergy lo posso usare in codesto modo?

    Commento di Roby | 27 gennaio 2011 | Rispondi

  10. Scusa Roberto, ti chiedo ancora una volta un piccolo aiuto. Dovrei posizionare in casa il mio quinto Cleanergy con booster e Legami. Visto che non mi fido molto delle mie capacità al palming, vorrei utilizzare un approccio, se mi consenti, più “topografico” (pur tenendo conto di quanto scritto da te nei tuoi libri), e da qui la mia domanda. Il Cleanergy in proiezione sul pavimento quanta superfice riesce a bonificare? E’ ovvio che la domanda è di proposito esagerata e che i fattori da tenere in considerazione sono molteplici, io ti chiedo se possibile, solo un valore approssimativo o se vuoi in condizioni ordinarie, in modo da tale da tentare di “coprire” 200 mq con 5 Cleanergy. Ciao

    PS
    Ovviamente posizionerò un MK 07.11, però magari prima mi ci faccio un bel sistemico.😉

    Commento di Francesco | 12 febbraio 2011 | Rispondi

    • Postami o meglio inviami per posta e-mail:

      1) foto della stanza (o delle stanze) dove vuoi collocare il Cleanergy
      2) piantina di casa DISEGNATA DA TE con indicazione del Nord magnetico (importante)
      3) indirizzo (via numero civico città) o coordinate per Google Earth di casa tua

      e io ti rispondo.

      Commento di Roberto Zamperini | 12 febbraio 2011 | Rispondi

  11. Non chiedevo e non speravo tanto! ma di certo prendo la palla al balzo e non mi faccio perdere l’occasione. Mi attivo immediatamente. Grazie e buon fine settimana.

    Commento di Francesco | 12 febbraio 2011 | Rispondi

  12. Ciao Roberto, ti faccio una domanda che forse non ha molto senso, ma… se “incollo” un eventuale MK 07.11 con il vecchio MK 15.02 ottengo una maggior performance o la diversità dei modelli non lo permette? Sarebbe un sacrilegio? Ti ringrazio anticipatamente e ti mando un forte abbraccio dopo tanto tempo (sono stato tuo allievo di PH nel ’97 a Verona).

    Commento di rigel66 | 6 aprile 2011 | Rispondi

    • Puoi farlo benissimo. Trasformerai il “vecchio” 15.02 nel “nuovo” 07.11. Ma se li ristacchi tornano come prima! La potenza dovrebbe crescere più della loro somma. Prova e dimmi.

      Commento di Roberto Zamperini | 6 aprile 2011 | Rispondi

      • Grazie. Temevo che gli effetti positivi si sarebbero annullati invece con queste premesse sono invogliato quanto prima a testarlo anche perché quel tuo “dovrebbe”, visto la tua enorme esperienza, corrisponde ad almeno al 95% di certezza. Puoi osare a dare dati indiscutibili in questo campo. Ciao

        Commento di rigel66 | 7 aprile 2011 | Rispondi

  13. Incollare in che ordine? La faccia OUT del “vecchio” modello sulla “IN” del nuovo, giusto? O viceversa?

    Commento di Roby | 6 aprile 2011 | Rispondi

  14. Una piccola domanda sul posizionamento (nel senso di orientamento) dell’Antenna Zamperini.
    Una volta accertata la presenza di una o più tipi di congestione, nonchè la fonte e la direzione, l’AZ va posizionata di fronte o alle spalle del flusso di congestioni?
    Mi spiego meglio.
    Se mi rendo conto che in un determinato ambiente arriva un flusso di congestioni da Nord, l’Antenna Zamperini la dovrò posizionare a sud, rivolgendola ovvimante a nord, in modo che il flusso di congestioni la investa in pieno, giusto?
    Grazie.

    Commento di Francesco | 22 maggio 2012 | Rispondi

    • Di fronte alla sorgente di congestioni, ma sempre testando le quattro posizioni ai quattro angoli. Dalla teoria alla pratica.

      Commento di Roberto Zamperini | 22 maggio 2012 | Rispondi

  15. Se dico che l’Antenna Zamperini spara una enorme quantità di Etere 1 dico giusto?
    Inoltre mi pare (sempre se non mi sbaglio) che l’Antenna emetta una buona quantità di energia sciogli legàmi, insomma è come se avesse inserita la ME Legàmi.
    Ho visto bene?

    PS
    Chi, una volta, la definì “il ventilatore”, non si sbagliava affatto.

    Commento di Francesco | 1 giugno 2012 | Rispondi

  16. Dici bene.

    PS: la bestiaccia defunse?

    Commento di Roberto Zamperini | 5 giugno 2012 | Rispondi

    • E’ entrata in coma irreversibile da un paio di ore.
      Credo che l”AZ gli staccherà il respiratore a brevissimo!
      Fuori uno! ;D

      Commento di Francesco | 5 giugno 2012 | Rispondi

  17. Una piccola domanda: il Mini Cleanergy che cono di azione ha rispetto al Midi? E in termini diciamo così, numerici, che differenza di potenza c’è tra i due?

    Commento di Giuseppe | 12 agosto 2012 | Rispondi

    • 1. CONO. Che intendi per cono? L’angolo?Più o meno lo stesso. Portata? Identica: circa 120 cm.
      2.POTENZA. Difficile rispondere. Occhio e croce 1Midi equivale a una decina di Mini.

      Commento di Roberto Zamperini | 12 agosto 2012 | Rispondi

  18. Grazie delle risposte, RZ.
    Per “cono” intendo quella figura geometrica che immagino fuoriuscire dalla faccia del cleanergy per propagarsi tutt’attorno (forse sarebbe meglio definirla un tronco di cono). Un pò come il fascio di luce uscente da una torcia.

    Ponendo il cleanergy a distanza molto ravvicinata si ha un’effetto maggiore che da più lontano?
    Cioè, man mano che ci si allontana dalla faccia del cleanergy, l’energia si attenua man mano che il raggio si amplia?

    Commento di Giuseppe | 12 agosto 2012 | Rispondi

    • Si attenua secondo un andamento strano: fino a 120 cm c’è il cono di R4. Dopo non più. Dunque, a seconda della distanza d’uso, cambiano gli effetti.

      Commento di Roberto Zamperini | 13 agosto 2012 | Rispondi

  19. Interessante! Quindi la posizione nei confronti del “bersaglio” ha conseguenze sull’effetto che si ottiene.

    Grazie.

    Commento di Giuseppe | 13 agosto 2012 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: