Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Una batteria in funzione da 60 anni ???

Dimitrie Leonida, il  Museo Nazionale della Tecnica di Romania, ospita una batteria elettrica piuttosto strana. Creata da Vasile Karpen, la pila funziona ininterrottamente da 60 anni. “Ammetto che è difficile anche per me digerire l’idea di un generatore overunity senza sembrare ridicolo, eppure un tale oggetto esiste”, spiega Nicolae Diaconescu, ingegnere e direttore del museo.

L’invenzione per ora non può essere esposta nel museo per mancanza di fondi, necessari per i servizi di sicurezza. Cinquant’anni fa il suo inventore affermò che la sua invenzione avrebbe funzionato per sempre. Secondo quanto afferma il direttore del museo, sembra che abbia avuto ragione, almeno sinora. Momentaneamente, la pila si trova nell’ufficio del direttore del museo.

La definizione è pila termoelettrica a temperatura uniforme. Il primo prototipo è stato costruito nel 1950.

Gli scienziati non possono spiegare come l’aggeggio, che è stato brevettato nel 1922, possa in effetti funzionare. Il prototipo è stato assemblato nel 1950 ed è costituito da due pile collegate in serie che muovono un piccolo motore galvanometrico. Il motore muove un filo che è collegato ad uno switch. Ad ogni mezzo giro, la lama apre il circuito e la richiude all’inizio del secondo mezzo giro. Il tempo di rotazione della lama sarebbe stato calcolato in modo che le due pile abbiano il tempo di ricaricarsi (?) e che possano ricostruire la loro polarità durante il tempo che il circuito rimane aperto.

Un giornale rumeno, Ziua (Il Giorno), si recò al museo per chiedere la possibilità di una verifica al direttore Diaconescu. Questo è successo il 27 febbraio 2006. Le due batterie avevano indicato la stessa tensione di 1 Volt, la stessa che possedevano nel 1950. Un particolare interessante: nella pila di Karpen uno dei due elettrodi è d’oro, l’altro di platino. L’elettrolita (il liquido in cui sono immersi i due elettrodi), è acido solforico di grande purezza.

Alcuni scienziati sostengono che il dispositivo trasformi l’energia termica in energia meccanica, ma Diaconescu non condivide questa teoria. Secondo altri, che hanno studiato il lavoro teorico di Karpen, la pila sfida il secondo principio della termodinamica (in riferimento alla trasformazione di energia termica in lavoro meccanico), e questo la rende una macchina a moto perpetuo. Altri dicono che non è così, ma che sfrutta l’energia di punto zero (ZPE).

Una possibile spiegazione matematica di quello che succede nella pila di Karpen si può trovare qui.

http://www.greenoptimistic.com/2010/12/25/karpen-pile/

5 febbraio 2011 - Posted by | Strumenti

4 commenti »

  1. Wow!! Allora i rumeni hanno ancora la creatività romana nel sangue!

    Commento di Giovannone | 7 febbraio 2011 | Rispondi

    • E’ qualcosa che esige la massima prudenza. A leggere la notizia così, non sembrerebbe altro se non una grandissima bufala. Ma hai visto mai? Io l’ho postata in attesa di altre nuove … Vedremo …

      Commento di Roberto Zamperini | 7 febbraio 2011 | Rispondi

      • Ho provato con elettrodi di platino e oro puri, perchè avevo fatto degli esperimenti con grafite e silicio monocristallino ma mi avevano rimproverato che usavo materiali contenenti impurità e quindi ero arrivato a fare la famosa pila di Volta. Devo dire che qualcosa succede anche con oro e platino puri al al 99,99% . Costicchiano un pochino, ma 500 euro per togliermi lo sfizio li ho buttati😀

        ora toca a voi , altrimenti passo per cialtrone😉

        Commento di Stefan Danov | 3 maggio 2011 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: