Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Un ritorno al Paganesimo?

SRI RAM SWARUP parla dei pagani dell’Europa

Sri Ram Swarup.

In un’intervista nel giugno del 1996, in un’uscita della rivista belga Antaios, il pensatore indù Ram Swarup, spiegò come l’Induismo potrebbe adeguatamente contribuire al Rinascimento della Paganità in Europa:

Il rinascimento pagano è un’urgenza. È necessario all’Europa per guarire la sua psiche. Sotto la Cristianità, l’Europa ha imparato a rinnegare i suoi antenati, il suo passato, e questo non è certo un bene per il suo futuro. L’Europa si è ammalata perché è stata strappata via dalla sua naturale eredità, ha dovuto rinnegare le sue radici più profonde. Se l’Europa vuole guarire, essa deve recuperare il suo autentico passato spirituale.

C’è molto da fare per i pensatori europei. Il compito non sarà facile, e necessiterà di decenni di abnegante e fervente dedizione, nonchè un alto grado di serena introspezione allo stesso modo. L’Europa è stata soggetta a secoli di forzata sistematica “abramitizazzione” spirituale. Non sarà un compito semplice cambiare questo stato di cose. L’Europa dovrà rievocare la sua antica sensibilità riguardo al suo popolo e al suo ambiente.

Druidi a Primrose Hill, Londra, Inghilterra, Britannia.

Il Rinascimento Europeo dei secoli scorsi è stato incompleto. È stato un ritorno alla letteratura greca e romana ed alle relative forme d’arte senza gli dèi. Se il Rinascimento avesse compiuto tutto il suo corso, sarebbe divenuto cosciente anche dei suoi legami con gli antichi parenti orientali, il mondo indù, ma in realtà il Rinascimento è stato stroncato. Infatti un movimento opposto partì subitaneamente, un movimento Anti-Rinascimento, nella forma del Protestantesimo, che proponeva il “ritorno alla Bibbia”, il “ritorno agli Apostoli”. Io mi auguro che il movimento neopagano in futuro comprenda l’importanza e l’immensità del suo compito. In certi ambienti occidentali, il Paganesimo è stato ben accolto perché si è supposto portatore esclusivamente di libertà sessuale, edonismo e sensualità. Ma questi pagani devono comprendere che gli antichi sapienti e filosofi pagani erano anche grandi mistici e teorizzatori di un’etica propria. Il movimento rinascente pagano deve ricomprendere e capire il Paganesimo nella sua interezza e varietà.

Dievturi, Lettonia.

Credo che l’Induismo possa avere un ruolo molto importante nel recupero dell’identità religiosa dell’umanità, in modo particolare dell’Europa. La ragione è molto semplice: l’Induismo rappresenta la Tradizione più antica che è ancora viva come religione di massa. La cultura indù ha in un certo qual modo preservato nei suoi recessi, nel suo grande contenitore, l’intero passato spirituale dell’umanità. Per ritrovare sé stessi, i popoli europei devono rivivere i loro dèi.

Nel mio libro “La Parola come Rivelazione: I Nomi degli Dèi” ho parlato di un nuovo tipo di “pellegrinaggio”: un Ritorno al Tempo degli Dèi. Intanto gli studiosi europei possono fare molto, dovrebbero scrivere la storia dell’Europa dal punto di vista semplicemente pagano, che dovrebbe finalmente mostrare come il Paganesimo sia stato capillarmente e spietatamente perseguitato. Dovrebbero compilare un elenco preciso dei templi pagani distrutti, dei boschi sacri e delle località divine dissacrate ed esorcizzate. I pagani europei dovrebbero anche lavorare per rivitalizzare questi luoghi sacri come punti di ritrovo e pellegrinaggio.” 

http://bookvistas.com/bookdetails.aspx?bookId=14667

There are two opposing Views about language, both Advanced by distinguished thinkers.

One view holds that a Language is External to Objects and thoughts; the other view regards it as fundamental to them. In what Sense or Senses are these views true? Can they be reconciled? Language has not merely expressed man’s fears; it has also expressed his sense of mystery.

Again and again, man has sung of Gods and Divine Life and his idea of the Good and the Beautiful in sublime speech. This sublime speech, these inspired words, he has treasured as his veritable heritage, his Vedas. But in the passage of time, man’s thought-habits and speech-mores change and the inspired words become difficult to understand. Can a Study of language Help us to recapture the meanings of older scriptures? Can this study help us to understand the deeper life of man, his Vision of Gods and the Good? Can this study throw some light on Religious consciousness in General and the cherished old scriptures in particular? For example, can we understand the mentality of the seers of the Vedas – humanity’s oldest extant scripture – by studying their language? Or can we understand the Import of their language by entering into the state of their mind?

The book studies human speech in its relation to man’s deeper psyche and religious consciousness. It adds a new dimension to the Science of Semantics by showing how Physical meanings of a word become sensuous meanings, become concepts and ideas, become names of the powers of the psyche, become Names of Gods, depending upon the organ of mind – indriya, manas, huddhi, – which is using that word as also on the Level of purity – Bhumi – of the organ concerned.

Next, by applying this method of unlocking the highest and the most secret meanings of words, it adds a new chapter to Vedic Exegesis.

Thirdly, refuting that Vedic Gods represent the attempt of the primitive human mind, through Nature’s symbols and objects, towards groping for a unitary principle, it asserts that the truths of the Self can be expressed equally well in polytheistic as well as monotheistic terms, and that One God or Many Gods are opposed only on the mental plane while they meet in the unity of the Spirit.

Fourthly, it invites us to extend this new approach to promote an understanding of several existing Religions and many Classical religions of the past-of Egypt, Iran, Greece and Rome. Such a study should help the modern Europeans to have a better understanding of their old Gods as also of the Gods of the Africans and American Indians. Finally, though briefly, the book offers a practical advice. A Meditation on the Names and Attributes of Gods has a transforming power not only for the individual but also for his physical, social and Cultural environment. As an individual’s consciousness is purified and raised by meditation on the Names of Gods, he becomes increasingly aware of the inertias and impurities around himself and is activated towards achieving a spiritually meaningful environment.

12 luglio 2011 - Posted by | Libri, Personaggi

8 commenti

  1. certo una nuova religione per un nuovo mondo
    il ritorno alla tradizione
    sicuramente saranno daccordo il principe marconi e gli altri nobili bastardi massoni come lui

    Commento di Daniel | 13 luglio 2011

    • Che problemi hai? Se ce ne parli magari possiamo aiutarti. Ho la sensazione che tu non abbia capito meno di nulla dell’articolo, hai un disturbo cognitivo?

      Commento di mario puccioni | 13 luglio 2011

  2. com’è che diceva la canzone dei Queen?

    One vision
    So give me your hands
    Give me your hearts
    I’m ready
    There’s only one direction
    One world and one nation
    Yeah one vision

    One flesh, one bone
    One true religion
    One voice, one hope
    One real decision

    Commento di Daniel | 13 luglio 2011

  3. semplicemente non auspico il ritorno al paganesimo
    sono contro tutte le religioni

    Commento di Daniel | 13 luglio 2011

  4. Daniel, prima di parlare tanto di religione, sai almeno qual’è il suo Vero significato?

    Commento di Giovannone | 13 luglio 2011

  5. Aaahhhhh, be’..allora..se è così, scusa tanto..
    Io sono contro la pesca a strascico, contro le auto coreane e contro i panzerotti al sugo. Ok.

    Commento di mario puccioni | 13 luglio 2011

  6. che intendi con vero significato?

    Commento di Daniel | 13 luglio 2011

    • Da questo momento sono bloccati i commenti su questo argomento. Basta così.

      Commento di Roberto Zamperini | 14 luglio 2011


Sorry, the comment form is closed at this time.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: