Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Quelli dell’Energia Sottile e Tevvari su Facebook

Chiunque, tra i Lettori di questo Blog, voglia iscriversi al Gruppo chiuso “Quelli dell’Energia Sottile” (gruppo di fissati con l’Energia Sottile) non ha che

chiederlo a me (Roberto Zamperini http://www.facebook.com/roberto.zamperini ) mandandomi richiesta di iscrizione a detto Gruppo: http://www.facebook.com/groups/161956263862472/

Se tra voi c’è anche chi ha frequentato anche in ere preistoriche un corso di TEV può iscriversi al Gruppo chiuso “Tevvari su Facebookhttp://www.facebook.com/groups/36921776191/ con la stessa modalità di cui sopra.

A leggerci su FB!

30 aprile 2012 Posted by | Energie Sottili, Tecnica Energo-Vibrazionale | 10 commenti

La vera condizione occulta della riuscita della forma-pensiero (3)

Dopo i primi due articoli Orbis Tertius con il Cleanergy? e Orbis Tertius, il Cleanergy e la realizzazione della forma-pensiero (2) molti Lettori hanno pubblicato i loro punti di vista. Tutti estremamente interessanti. Ad esempio:

Barbara ha sottolineato l’aspetto energetico dell’Universo. La forma-pensiero è energia in un Universo d’energia.

Silvia ci racconta di fenomeni di telepatia casalinga, forse innescati dal Cleanergy.

Giorgio sottolinea la necessità di includere molti diversi dati sensoriali nella costruzione della FP.

Alessio racconta di fenomeni di interazione tra mondo reale e Cleanergy. Il Cleanergy può essere in grado di avverare pensieri negativi? Ma Francesco lo contesta: le forme-pensiero negative vengono “sciolte” dal Cleanergy, non avverate, né amplificate.

Andrea ci ricorda il gatto di Schroedinger e il multi-universo di Everett, quali possibili “spiegazioni” del fenomeno della realizzazione della forma-pensiero nel mondo fisico. Ci aggiungerei anche il fenomeno dello entanglement.

Gio9o4 introduce l’elemento (essenziale!) dello stato di coscienza. Giorgio concorda con Gio904 introducendo il concetto dello spazio-tempo quantizzato. Un concetto che ricorda la teoria dei fotogrammi di Kempis, del Cerchio 77.

Continua a leggere

30 aprile 2012 Posted by | Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia | 20 commenti

Costellazioni familiari. Che può dire in merito la TEV? (1)

Ho ricevuto dal Lettore Luciano questo interessante messaggio:

Ciao Roberto, scusami se disturbo, ma ho bisogno di un confronto

Ho avuto modo di testare o sentire, per curiosità, una sessione di costellazioni familiari
ed ho avvertito una stranissima sensazione come se in quel richiamo di anime, arrivavano forme energetiche delle persone che venivano rappresentate, come se venissero effettivamente richiamate

erano poi queste forme energetiche ad utilizzate i soggetti
insomma ho avuto l’impressione che avvenisse un transfert di anime
sarei grato di sapere da te una opinione in tal senso

grazie infinite

Commento di Luciano 

E’ autoevidente il rapporto strettissimo tra le cosiddette “Costellazioni Familiari” e la TEV. Basterebbe ricordare quanto diciamo a proposito della Cellula Madre e dei cosiddetti Arcaici del Tempo. Dunque, il messaggio di Luciano è estremamente attuale e merita risposte adeguate. Poiché però credo che molti Lettori abbiano esperienze ed idee interessanti da esporre in merito, idee ed esperienze che mi interessano molto. Dunque, prima di dire la mia, aspetto la … vostra! Invito tutti quelli che vogliono dare il loro contributo ad intervenire con un commento. Poi anch’io dirò la mia.

A voi la parola!

29 aprile 2012 Posted by | Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili | 12 commenti

Ancora sulle frequenze “magiche”: 7,83, la vera frequenza di Schumann

Segue a

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? (1)

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? (2)

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? (3)

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? Insomma: 432 Hz o 423 Hz o 422 Hz? (4)

Risposte: dalla Domoterapia Sottile alla frequenza 432 Hz (2)

A) In questa serie di articoli, ho discusso l’interessante teoria musicali di certi giovani musicisti che si rifanno ad un movimento detto Rivoluzione Omega, che sostengono che l’attuale sistema musicale, universalmente intonato sul La a 440 Hz, è innaturale e sbagliato. Il La naturale sarebbe invece, secondo questi simpatici e bravi musicisti, quello intonato a 432 Hz. A sostegno delle loro teorie citano i lavori di Ananda Bosman che sostiene che la nuova frequenza a 432 corrisponderebbe ad una frequenza-base di 8 Hz (sottomultiplo di 8: 432 : 8 = 54). La stessa frequenza di 8 Hz risuona con la frequenza media del cuore (72 Hz =  9 x 8),  sulla frequenza di replicazione del DNA (?), sulla frequenza di sincronizzazione dei due emisferi cerebrali (?), sulla geometria  musicale della creazione (?), e, infine, sul  battito cardiaco fondamentale del pianeta (la cosiddetta risonanza fondamentale di cavità Schumann).

Come si vede ho messo numerosi punti interrogativi (?) sulle ipotesi alla base della Rivoluzione Omega. Ci si chiederà perché allora la mia opinione complessiva sulla Rivoluzione Omega sia invece largamente positiva. E’ semplice: perché, al di là delle teorie e delle parole, la musica intonata a 432 Hz produce effetti soggettivi ed oggettivi sullo psichico e sul sottile nettamente riscontrabili. Insomma: intonare a 432 Hz funziona.

B) Nel corso della mia discussione, ho portato l’attenzione sul fatto che la frequenza cosiddetta di Schumann non sia 8 Hz, ma, per la precisione, 7,83 Hz. Una differenza che sembrerebbe minima, ma che non lo è, alla resa dei conti. Questa mia ipotesi era basata su semplici test fatti con il programma audio free Audacity, con il quale avevo testato su di me e su altri gli effetti di suoni intonati su frequenze varie. Tali esperienze sono state condotte anche grazie al concorso di molti Lettori di questo Blog, che, in stragrande maggioranza, hanno convenuto con l’assunto.

Posto che 432 Hz equivalgono a 8 Hz di frequenza-base, se si sposta tale frequenza-base a 7,83, il La di riferimento diventa (7,83 : 8) x 432 = 0,97875 x 432 = 422,82, frequenza di intonazione perfetta del La di riferimento, se davvero ci si basa sulla frequenza Schumann.

C) Questi miei ragionamenti vennero subito presi a suo tempo in considerazione dal bravo musicista romano Roberto Coccia che si mise immediatamente al lavoro, producendo dei brani (se non ricordo male di Mozart) intonati a 440, a 432 e a 423 (che sarebbe 422,82 arrotondato). Roberto Coccia iniziò, da allora, a produrre con grande successo personale solo musica intonata a 427. Per ogni ulteriore particolare potete contattare il simpatico e bravo Roberto: robert.coccia@tiscalinet.it.

Gli effetti positivi di tale musica furono postati su questo Blog e notati da tutti i Lettori che ne riferirono

1. il benessere psico-fisico che stimolava;

2. l’incremento dei chakra.

In conclusione di questa discussione scrissi quanto segue (tratto da QUI):

Le persone che hanno portato l’attenzione dei media (solo su Internet, figuriamoci!) meritano, a mio avviso, tutto il nostro plauso: si tratta di fenomeni reali, che dovrebbero essere presi in seria considerazione. 

Per terminare: auguro di tutto cuore agli amici della Rivoluzione Omega di avere successo nella loro battaglia, che non potrà che portare del bene in tutti noi (anche se non credo affatto che avrà effetti clamorosi nel risveglio delle coscienze, ma questa è solo una mia opinione!).

D) Dopo quasi due anni dall’articolo iniziale ricevo da una Lettrice, la musicista Flavia Gallega la stessa da me ivi citata:

Ciao!

Grazie per il tuo blog sul tema del 432Hz e delle tue osservazioni. Mi occupo di musica, sono compositrice e cantante e sopratutto del 432hz da molti anni, sono la Flavia Vallega che menzioni nell’articolo, collega del mio “istruttore 432Hz” e amico Ananda Bosman. Devo innanzi tutti dirti che la nostra caparbia diffusione sta avendo frutti preziosi, sempre più nel mondo, musicisti stanno passando a questa frequenza di accordatura. Ogni giorno ci scrivono da paesi anche impensabili come la Cina, Russia, Nuova Zelanda, è una meraviglia. E sono anche tantissimi i DJ che pitchano da 440 a 432Hz, pur sapendo che non è l’ottimale, sappiamo tutti che registrare direttamente in tale frequenza è la cosa migliore, ma il procedimento di conversione ha la sua efficacia, e lo dimostrano le sensazioni che tutti provano ascoltando le musiche convertite, come tu d’altronde. A tale proposito ti scrivo che ho letto con molto interesse dell’esperimento con la musica pitchata nella frequenza di Schumann a 7,83Hz.

1. Desidero sperimentarla, quindi ti chiedo come fare il cambio di percentuale esatto in Audacity. (se utilizzi la procedura con effetti= tono, quale la percentuale di cambio, e semitono, e se lasci inalterata la casella della frequenza, che normalmente si aggiusta in base alla percentuale di cambio).

2. Per i test che hai eseguito che tipo di test hai fatto? Solo sulla tua sensibilità o con apparecchiature che misurano le percentuali energetiche?

3. A tale proposito ti avviso, e questo sarà interessante da postare nel tuo blog, che partiranno, qui a Barcellona, dove ora vivo, delle investigazioni con medici, per testare le effettive influenze del 432Hz sulle persone, utilizzando elettroencefalogramma e elettrocardiogramma e altro. Testeremo anche le musiche originali in 440 e poi convertite in 432Hz e quelle con la frequenza di Schumann di cui tu parli. Aggiungo che, con una amico musicista e investigatore, abbiamo fatto dei test con il tonografo, per verificare che effettivamente, i mandala sonici che si generano a 432Hz sono completi e ben delineati, ma a 428/427Hz ancor più. In 440Hz si rompono, si frammentano, perdono la precisione dei dettagli. Ti incollo un link di tali esperimenti (comprendi che è un video casalingo): http://www.youtube.com/watch?v=cTdzgehU818

E un link con una mia musica: http://youtu.be/rcrFktq0NFU

Attendiamo quanto prima la tua risposta, grazie!

Un abbraccio
Flavia Vallega

Rispondo ben volentieri alla simpatica musicista, portatrice per di più di un gran bel nome romano. (Avete fatto caso quanto sono belli i nomi romani?)

1. Cominciamo con il suo primo quesito. La frequenza di Schumann di 7,83 corrisponde ad un La di circa 423. Se la tua musica è già intonata a 432, con Audacity, basta porre il pitch di riferimento pari a 100 e portarlo a 97.875 e il gioco è fatto. Naturalmente i musicisti obietteranno che questo giochino non equivale ad intonare direttamente gli strumenti con il La a 427 e avranno ragione. Ma, se si vogliono fare dei primi controlli (ed era quello che volevo fare io), Audacity va benissimo. E fu così che all’inizio mi sono reso conto che gli amici musicisti come Flavia avevano ragione con la loro Rivoluzione Omega. E ragione da vendere. (Osservo tra parentesi che l’effetto della musica digitalizzata è – dal punto di vista sottile – ben diverso da quello della musica analogica. Un po’ come condire una pietanza con un surrogato di limone o spremervi sopra un bel limone siciliano. Non è lo stesso).

2. Secondo quesito. Per ora ho condotto solo sperimentazioni empiriche basate sulla percezione sottile, da parte mia e di molti altri. Mi riprometto però, se il tempo tiranno me lo concederà, di utilizzare analisi con strumenti ospedalieri come l’elettromiografo, magari con il concorso di qualche bravo amico medico. Fra parentesi, mi chiedo come potesse Pitagora utilizzare la musica per guarire se non che utilizzasse varie frequenze di intonazione, collegate ai vari “modi” musicali (che i Greci ovviamente conoscevano perfettamente).

3. Stai a Barcellona, simpatica Flavia? Per combinazione, Sonia (mia moglie) ed io vi abbiamo tenuto un corso di TEV non più di due settimane fa! Forse potremo incontrarci in quella bella città in occasione del proseguimento del corso iniziale. Chissà!?

4. Volendo, le indagini potrebbero proseguire in molti modi. Ad esempio, affrontando la frequenza del numero Gamma (quello associato alla catenaria ed alla gravità), la frequenza dei Raggi, specialmente il Primo Raggio (R1) e il Quarto Raggio (R4), eccetera. Ritengo che ci si trovi soltanto nella condizione di chi ha semplicemente aperto un piccolo spiraglio in una porta. Aspettiamo a spalancarla quella porta e ne vedrete delle belle!

5. Termino sottolineando che la frequenza 7,83 non corrisponde in realtà al ritmo alpha del cervello, ma piuttosto a quello che, nella TEV, chiamiamo il ritmo theta “efficace”. Che significa efficace? Il ritmo theta si considera quello dell’intervallo 4 – 8 Hz, ma, secondo le nostre esperienze (ben da prima che uscisse il discorso della Rivoluzione Omega) di tutto questo intervallo la sola frequenza efficace è quella di 7,83 Hz.

Riprendo quanto da me scritto in alcuni miei libri e in un articolo di questo Blog:

La gamma delle onde beta è compresa tra 13 e 40 hertz.

Lo stato di coscienza associato alle onde beta è connesso alla concentrazione, alla vigilanza intensificata e all’acuità visiva. La frequenza beta di 40Hz si crede sia collegata al processo della cognizione.

La gamma delle onde alfa è compresa tra 8 e 12 hertz.

Sono caratteristiche del rilassamento profondo, ma è uno stato di coscienza non abbastanza profondo da potersi già definire di meditazione. Nell’alfa, cominciamo ad accedere alla ricchezza della nostra creatività. E’ una sorta di portale verso gli stati di coscienza più profondi.

La gamma delle onde theta è compresa tra 4 e 8 hertz.

Il dominio delle theta è forse il più straordinario e il più evasivo. E’ anche il più difficile da ricordare, perché, normalmente, è il fugace stato di passaggio tra la veglia e il sonno o  nel risveglio nel passaggio inverso dal sonno allo stato di veglia. In theta, possiamo sperimentare dei rapidi flash di immagini detti immagini ipnagogiche, di natura piuttosto misteriosa. Altre volte, questi flash consistono in suoni o in voci. E’ questo lo stato della trance, della trance ipnotica, delle immagini ipnagogiche, dell’accesso diretto all’inconscio. Come tale, poiché in theta si è privi degli schermi di difesa dell’io, è lo stato dell’apprendimento totale e perfetto. In theta, viviamo il massimo della nostra creatività, dell’intuizione e di altre abilità di percezione extrasensoriale, come la telepatia.

La gamma delle onde delta varia fra 0 e 4 hertz.

Lo stato delta è associato al coma e al sonno profondo, che un tempo si credeva senza sogni e che invece si è scoperto essere una fase di sogni molto vividi. Uno stato collegato al rilascio dell’ormone della crescita GH, connesso alla guarigione e alla rigenerazione e al rilascio della melatonina, un altro ormone in grado di sincronizzare il nostro orologio biologico e di stimolare le difese immunitarie. Ecco perchè il sonno profondo è così ristoratore è così essenziale al processo di guarigione.

Il passaggio da uno all’altro di questi stati di coscienza comporta grandi mutamenti nella nostra struttura energetica.

Nello stato beta è attivo soprattutto il chakra ajna.

Nello stato alfa si attiva il chakra frontale.

Nello stato theta si attiva il chakra coronale anteriore.

Nello stato delta si attiva il coronale centrale.

Per maggiori informazioni su questo tema specifico potete consultare i miei due libri:

Anatomia Sottile – Atlante di Terapia Energo-Vibrazionale – Macro Edizioni

Fisiologia Sottile – Alla scoperta  dell’anatomia segreta del corpo d’energia – Macro Edizioni

28 aprile 2012 Posted by | Conosci Te Stesso, Energia dei Numeri, Ermetica ed Alchimia, Musica, Sperimentazioni | 34 commenti

Orbis Tertius, il Cleanergy e la realizzazione della forma-pensiero (2)

Segue a Orbis Tertius con il Cleanergy?

Dunque, ricapitolo di cosa stiamo discutendo:  attivando R1 e R4 è possibile generare eventi (graditi o sgraditi che siano)? Il Cleanergy sarebbe soltanto una sorta di “facilitatore” di forme-pensiero anche involontarie. Insomma, come suggerisce Borges in Orbis Tertius, una forma-pensiero lungamente perfezionata e mentalmente potenziata, può trasformarsi in realtà? Oppure, come suggerisce Matteo: una forma-pensiero anche soltanto brevemente immaginata, o una sensazione anche inconscia, possono trasformarsi in realtà?

Prima di continuare vi prego di analizzare la prima frase: una forma-pensiero lungamente perfezionata e mentalmente potenziata che è esattamente quanto accade in Orbis Tertius, dove non c’è una persona che si limita a pensare a questo fantomatico Paese, alla sua letteratura, alla sua scienza, alla sua filosofia, ma c’è un intero staff di letterati, di scienziati, di filosofi, di storici ed di altri specialisti del sapere che si impegnano con tutta la loro preparazione per anni nella costruzione mentale di una terra che ha la stessa realtà di Paperopoli o di Wonderland. Si tratta di un aspetto che è facile sottovalutare, ma che Borges è troppo intelligente per farlo. Se fosse caduto in questa banalità il suo racconto non avrebbe avuto alcun interesse né letterario, né filosofico. La  forma-pensiero descritta da Borges (una nazione intera) è generata da tanti potenti cervelli, uniti insieme in un progetto folle ma lucido. Tanti potenti cervelli che creano una forma-pensiero potentissima, precisa nei più minuti dettagli, carica di energia mentale ed intelligenza. Insomma: non stiamo parlando delle sensazioni vaghe ed imprecise descritte da Matteo nell’articolo Orbis Tertius con il Cleanergy?

Comunque sia, all’interno dell’ipotesi di Matteo, a ben vedere ne esistono altre tre annidate una dentro l’altra:

PRIMA IPOTESI. Siamo in grado di generare eventi solo pensandoci, anche involontariamente? Si noti che qui staremmo di fatto all’interno delle cose che si affermano in libri del tipo The Secret.

SECONDA IPOTESI. Questa generazione sarebbe dovuta alla presenza nei chakra e nei corpi sottili della persona dei Raggi Primo e Quarto (R1 e R4).

TERZA IPOTESI. L’incremento di R1 e R4 nella persona sarebbe stimolato dal Cleanergy.

Mi dispiace deludere chi la pensa altrimenti, ma la mia opinione è: no, non è possibile generare eventi in modo così semplice. Le cose sono molto più complesse. Il Cleanergy, poi, non è in grado di “generare eventi” sic et simpliciter magari solo stando vicino alla persona. La costruzione di una forma-pensiero è cosa lunga e complessa e non basta certo avere il Cleanergy in tasca o nell’auto per realizzare forme-pensiero gradite o sgradite che siano.

Il tema che qui stiamo affrontando, ci permette una discussione più approfondita che va anche oltre le cose che avevamo detto a proposito di argomenti generalmente assai graditi a certa pubblicistica nord-americana. Vi chiedo, prima di continuare, di dare una letta a 

The Secret: un segreto che dura ancora da millenni

La Legge dell’Attrazione, “the Pulcinella’s secret” e la voce dei Padri

The Secret non finisce mai di rompermi le scatole …

In buona sostanza, l’idea che sottostà a tale pubblicistica è che, se tu lo vuoi, puoi realizzare qualsiasi cosa, qualsiasi desiderio, qualsiasi progetto, solo pensandoci o solo “pregando”. Nel caso della preghiera, non è specificato quale Dio pregare: va bene Iahvè, o anche Allah può andare o è meglio affidarsi a Gesù Cristo? E poi che dire di Brahma, Shiva e Visnù? Vanno bene o no? Trattandosi di nord-americani direi che Allah e le divinità indù si direbbero fuori gioco e la partita si possa giocare solo tra Iahvè e Gesù Cristo. Ma io non  sono un esperto e potrei sbagliare …

Tralasciando dunque l’approccio che chiamerei “fideistico”, basato cioè sulla preghiera, mi chiedo e vi chiedo: quali sono le condizioni che massimizzano la probabilità del realizzarsi di una forma-pensiero? Davvero basta pensarci un po’ e magari con l’aiuto del Cleanergy si realizza tutto ciò che vogliamo (e magari che NON vogliamo)?

(SEGUE)

26 aprile 2012 Posted by | Cleanergy, Ermetica ed Alchimia, Sette Raggi | 22 commenti

Orbis Tertius con il Cleanergy?

Dalla lontana Germania, ecco cosa ci scrive l’Istruttore in loco di TEV Matteo Graziano:

Rieccomi, per l’appunto, a portare le mie esperienze nell’apprendimento del tedesco.

Quest’estate ho fatto un corso di tedesco a Berlino, ed essendo una lingua piena di parole e regole da imparare a memoria, ho pensato bene di usare la tecnica dei mudra con Cleanergy in classe durante le letture ad alta voce e durante lo studio dei vocaboli (entrando in THETA durante la lezione o lo studio, e digerendo il tutto con 5 min di ALFA subito dopo). Cercavo di farlo solamente nei momenti in cui parlava l’insegnante oppure quando si corregevano i compiti a casa, e l’insegnante ci faceva notare gli errori e rispiegava gli argomenti non chiari.

Beh, sebbene io abbia notato di aver imparato con tempi molto veloci rispetto ai miei colleghi, ho avuto per due giorni consecutivi un effetto collaterale che mi ha lasciato perplesso. Racconto:

Martedì (per esempio, non ricordo il giorno) si fa la lezione con un testo che racconta di un tizio sfortunato a cui gliene succedono di tutti i colori: cade dalla bici, si chiude fuori casa con le chiavi dentro la serratura, gli si rovescia un barattolo della vernice, prende la scossa…

Mercoledì ho una giornata allucinante in cui me ne succedono di ogni. Cose piccole, sciocchezze, scocciature una dietro l’altra: problemi di chiavi, di cellulari scarichi, di fraintendimenti, di unghie rotte battendo contro il muro… etc. Continuo comunque a frequentare al mio corso quotidiano di tedesco e nella lezione si parla di un tizio ad un tavolo di un bar, in cui entra un ragazzo che ruba qualcosa nel negozio e viene rincorso e chissà come andava a finire… Beh il giorno dopo sono seduto al bar fuori dalla scuola di tedesco, e vuoi che non arrivi un baldo giovine che corre ai mille all’ora e si rinchiude nel bagno del bar, e qualche istante dopo un uomo molto alterato chiede in giro se qualcuno ha visto un ragazzo che correva? Segue una scena in cui c’è una discussione per capire cosa è stato rubato e come. 30 minuti dopo, quando le acque si sono calmate, il baldo giovine esce dal bagno e va via. Io in tutto questo, totalmente allibito dal succedersi dei fatti, sono rimasto a leggere il giornale, andava ancora a finire che me le prendevo! Da quel giorno devo dire che ho fatto mooooolta più attenzione ad usare la tecnica col Cleanergy nello studio del tedesco.

Devo dire anche che il libro che la scuola mi ha dato è molto buono a livello didattico, ma i contenuti sono principalmente negativi e anti-R1! Ti dirò di più: le lezioni ‘incriminate’ trattavano i congiuntivi, le possibilità ipotetiche. E’ possibile che studiando quelle lezioni in theta io mi sia autoprogrammato per riviverle-metterle in atto? D’altronde il messaggio che viene assimilato in teta è uno solo e senza filtri…. Che ne pensi? C’è un movente, e se c’è, c’è una soluzione? C’entra la lingua che si studia? (E mi ricollego al mio post precendente…)

Sono tutt’orecchi, bitte.

Inutile dire che Matteo solleva un’inquietante ipotesi: possibile che con il Cleanergy e i connessi R1 (Primo Raggio) e R4 (Quarto Raggio) si dia vita in qualche modo a cose lette o solo immaginate? La sua e-mail mi ricorda un racconto di Jorge Luis Borges che, se ricordo bene, si chiama Tlön, Uqbar, Orbis Tertius. Uno dei concetti principali di Tlön, Uqbar, Orbis Tertius sostiene che le idee possano, in definitiva,  manifestarsi nel mondo fisico. “In Tlön, Uqbar, Orbis Tertius l’articolo di un’enciclopedia riguardo a un misterioso paese di nome Uqbar è il primo indizio dell’esistenza di Orbis Tertius, grande cospirazione di intellettuali per immaginare (e poi creare) un nuovo mondo, Tlön. Nel corso della storia, il narratore incontra artefatti di Orbis Tertius e Tlön; prima della fine della storia, il mondo si sta trasformando in Tlön.”  … “Nell’anacronistico poscritto il narratore e il mondo hanno appreso, grazie alla scoperta di una lettera, che Uqbar e Tlön sono luoghi inventati, l’opera di una “società segreta e benevola creata nel XVII secolo, che contava anche Berkeley tra i suoi membri (anche se la società segreta fa parte della finzione di Borges, Berkeley e gli altri membri citati sono personaggi storici). “

Come spesso gli accade, il Maestro (Borges) poeta cieco come Omero, vede cose che stanno scritte nelle stelle o, come direbbe forse lui, occultate in Universi celati, ma necessari.

Dunque, Matteo starebbe ricreando un suo Orbis Tertius con il solo Cleanergy? E’ sufficiente incrementare R1 e R4 per dar vita a situazioni solo immaginate? Voi che ne pensate? Aspetto le vostre idee… (e anche Matteo le aspetta).

25 aprile 2012 Posted by | Cleanergy, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia | 9 commenti

Una giornata con le Energie Numinose

Tratte dall’ottimo servizio fotografico di Luciano A. ecco alcune foto dei momenti energeticamente più densi di un’intera giornata passata con le Energie Numinose il 21 Aprile 2765 AUC, Natale di Roma. (Le foto NON sono in ordine cronologico). Ecco i momenti più salienti:

1) incontro con SatUrNus

2) lo scettro di Massenzio (R1!!!)

3) l’Arco di Settimio Svero

4) il passaggio dell’Arco di Augusto e il primo approccio con JaNus

5) contatto con Vesta

6) l?arco di Tito e approccio con JuPiter

7) l’Ara di Giacomo Boni e Apollon

8) la visita all’Impronta Divina di JaNus al Gianicolo.

Sarebbe bello se tutti i partecipanti scrivessero qui le loro impressioni.

Grazie.

Questa presentazione richiede JavaScript.

23 aprile 2012 Posted by | Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia, Roberto Zamperini, Seminari e Convegni, Storia | 17 commenti

Le ultime previsioni per sabato 21 aprile per Roma

Sembrerebbe che ci possa essere una pausa nel maltempo. Speriamo bene. (Cliccate sull’immagine per ingrandirla).

16 aprile 2012 Posted by | Senza categoria | 2 commenti

Ultime indicazioni per la “Visita guidata alle Energie Numinose di Roma”

Visita guidata alle Energie Numinose di Roma

il 21 aprile 2012 Natale di Roma ai Fori e al Palatino

Guida: Roberto ZAMPERINI

Costo: assolutamente gratis, ma

1) è obbligatoria la prenotazione presso il CRESS.

2) L’ingresso è riservato senza eccezioni a chi ha frequentato almeno l’Introduttivo TEV per il semplice motivo che chi non sente l’Energia perderebbe tempo e me ne farebbe perdere anche a me.

Pertanto, non saranno ammesse persone non prenotate presso il CRESS e chi non avesse frequentato almeno l’Introduttivo.

Telefonando a partire da domani 12 aprile in Segreteria CRESS (06 768613) dopo le ore 10, potrete avere ragguagli sull’orario e il luogo di raccolta.

Sarà apprezzato chi porterà un mazzo di fiori (anche piccolo) a Cesare.

Consigliate scarpe da ginnastica. Portate con voi dei biglietti da visita o una vostra carta di credito e uno o più cristalli mai usati in precedenza e perfettamente puliti. Poi saprete il perché.

Ricordo che NON si tratta di una visita turistica, ma di una vera e propria INIZIAZIONE alle Energie Numinose. I semplici curiosi e i dubbiosi per partito preso sono pregati di RESTARE A CASA. Non sono graditi.

PROGRAMMA

1) Mattinata: Palatino e Foro  (per entrare in contatto con l’Energia di Saturno, Vesta, Giove, Giano, Giove, Apollo).

2) Pausa pranzo

3) Nel pomeriggio: sceglieremo insieme tra una visita al Gianicolo (per entrare in contatto con l’Energia di Giano) o escursione sulla Via Sacra sul Monte Cavo  (per entrare in contatto con l’Energia di Giove). La scelta dipenderà dalle auto a disposizione e dalla forma fisica dei partecipanti. Salire lungo la Via Sacra non è lo stesso che scalare il Monte Bianco, ma è comunque cosa di un minimo impegno fisico.

11 aprile 2012 Posted by | Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia | 13 commenti

Memoria dell’acqua: adesso arriva pure Luc Montagnier!

Che Luc Montagnier avesse ripreso il discorso iniziato dal suo grande e sfortunato connazionale Benveniste, lo sapevamo. Ma che la sua ricerca finisse in un programm(ino) di divulgazione scientifica come Voyager, questo non me l’aspettavo neppur io. Evidentemente lo scienziato francese è talmente tanto sicuro di quanto ha già ottenuto, che se ne frega bellamente dei suoi (immancabili) detrattori.

E a te come va? (Notate l'elmetto in testa a Montagnier e il corpo di Benveniste che emerge dall'acqua).

La storia di Benveniste con l’orrenda aggressione e antiscientifica che ha subito a cura della rivista Nature e dell’establishment “scientifico” iuessei  ben la conosciamo. Ma adesso un Premio Nobel come Montagnier ripete la lezione del suo altrettanto grande compatriota. Non fatevi incantare dal discorso sul DNA: in realtà ciò di cui si sta realmente parlando è ancora una volta la memoria dell’acqua. Se non avete seguito il programma ve lo potete rivedere qui.

L’intervistatore perde molto tempo a parlare dell’HIV, perdendo di vista per un po’ il tema essenziale e rivoluzionario. Raccomanderei allo stesso di intervistare prossimamente il fisico italiano Del Giudice sulle ricerche italiane in merito e di rendere almeno qualche memoria all’altro nostro grande fisico (scomparso) Giuliano Preparata. In questo Paese in cui i nostri cosiddetti governanti sembrano interessati a tutto meno che agli Italiani, sarebbe ora di cominciare a dire qualcosa di serio.

Continua a leggere

3 aprile 2012 Posted by | Energie Sottili | 13 commenti

Ehi, Ital-iani, figli “Ital” di IANUS, ne sapete qualcosa voi di comunicazione?

Molto raramente ricopio articoli scritti da altri, ma, di tanto in tanto, vale la pena farlo. Ecco una rara perla, opera di un esperto in tecniche di vendita e di comunicazione, che ogni mio Lettore (che si dedichi o meno alle tecniche di vendita) dovrebbe leggere. E meditare. Perché credo sia giunto il momento di dire BASTA.

Rivolta contro il mondo moderno delle tecniche di comunicazione

Praticamente ogni persona che incontro, la quale si sia sottoposta a percorsi di “formazione” nel nostro paese, rimane stupita dal mio porre sdegnoso diniego, nell’accettare alcune discipline provenienti da oltre oceano come massima vetta del pensiero e summa di ogni forma organizzata di comunicazione.

Se è pur vero che io stesso mi reco da anni sovente in USA per approfondire aspetti tecnici specifici legati alla vendita, rifiuto categoricamente di affibiare o riconoscere agli Statunitensi meriti in campo comunicativo tout-court ( e come potrei?).

Le affermazioni e le domande che mi si pongono con più costanza sono pressapoco:

  • Ma tu come fai a insegnare a vendere senza la PNL?
  • Quando si parla di comunicazione efficace bisogna per forza rifarsi alla PNL
  • La PNL è l’unica disciplina che ti permette di convincere gli altri

oppure la peggiore di tutte che è una delle mille varianti di:

  • Si vede benissimo che padroneggi perfettamente la PNL (rivolto a me!)

Ora, sia chiaro che non ho la minima voglia di rimettermi ad argomentare contro questa o quella disciplina di dubbie origini, scopi e provenienza. Se ci speravate arrendetevi, non lo farò.

Posto che ognuno studia e pratica quello che più gli aggrada e al sottoscritto poco gliene cale, il post di oggi vuole esclusivamente porre fine alla follia ed alla dissennatezza di chi, non sapendo nemmeno dove sia nato e chi fossero i propri Padri, volga lo sguardo spaurito e pieno di voglia di imparare verso lidi che con la vera conoscenza hanno poco a che spartire.

E’ proprio vero che noi abbisogniamo di discipline pescate in terra Iuessei per imparare a comunicare efficacemente? E’ vero che prima della PNL, di Bandler e Grinder non esistesse la civiltà nel mondo?

Scoprilo con me leggendo questo articolo

1 aprile 2012 Posted by | Nuovi miti | 1 commento