Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

L’antica origine esoterica dei mostriciattoli di London 2012

Grazie all’attenzione del Lettore Robeto ed al suo commento 8 in https://zaro41.wordpress.com/2012/07/28/da-avatar-alle-olimpiadi-2012-la-politica-della-disumanizzazione/#comments ora abbiamo anche la prova provata dell’origine esoterica dei mostriciattoli  presi a mascotte di London 2012. In http://altreligion.about.com/od/westernocculttradition/a/monad.htm  nel quale trovate il simbolo occulto che ha “ispirato” Wenlock e Mandeville. In http://www.facebook.com/photo.php?fbid=345785698832186&set=a.125603400850418.27874.125598484184243 trovate la corrispondenza tra il simbolo e i mostriciattoli.

Si tratta di un simbolo (Monas Hieroglyphica, o  o Monade Geroglifica) creato dal mago e stregone di corte John Dee nel 1564. Tale simbolo rappresenterebbe la realtà della monade, un’entità singolare dalle quale deriverebbero le cose del mondo della materia.  Il simbolo è costituito da quattro simboli distinti: i segni astrologici per la luna e il sole, la croce e il segno zodiacale dell’Ariete, rappresentati dai due semicerchi nella parte inferiore del glifo.

Per l’esattezza, il cerchio con il punto in mezzo rappresenta l’Oro alchemico o anche lo spirito, ma lasciamo perdere. L’Ariete è un simbolo di  fuoco (nel senso di uno dei quattro elementi). La Croce rappresenta l’equilibrio o più spesso il dominio sui quattro elementi.

Fin qui la descrizione del simbolo di John Dee. Adesso diamogli un’occhiata più da presso.

1) Nel simbolo, la Luna sovrasta il Sole. La Luna rappresenta i desideri, la parte emozionale ed inconscia, la parte femminile dell’inconscio. Il Sole è la parte conscia e maschile. Il Sole illumina la Luna e non viceversa. Il Sole è in grado di gestire e guidare le emozioni, che, altrimenti, ci sovrastano e ci sommergono. Ecco quanto da me scritto in replica alla Lettrice Alef (https://zaro41.wordpress.com/2012/07/28/da-avatar-alle-olimpiadi-2012-la-politica-della-disumanizzazione/#comments commento 4):

Quando l’Apollo Iperboreo (divinità maschile e solare per eccellenza) dall’estremo Nord giunse al Sud in Grecia e a Delfi, trovò che lì già c’era una divinità lunare, espressa dalla Pizia (Pizia da Pitone, animale tellurico e lunare). La forza straordinaria di questo (nuovo) Apollo fu quella di lasciar sopravvivere l’antica religione e, ad essa, sovrapporsi, per così dire “delicatamente”. Sul frontone del tempio di Delfi c’era la famosa scritta “UOMO CONOSCI TE STESSO”, ma, dentro al tempio, si poteva – se si voleva – contattare la Pizia che, grazie alla sua medianità (medianità = attività femminile e lunare) era in grado di contattare il Dio ed avere da Lui una risposta diretta, sia pur espressa in modo criptico. Questo è come dire che si ebbero i due aspetti: quello della luce solare diretta (CONOSCI TE STESSO) e quello della luce lunare (C’E’ CHI – PER TE – PUO’ ASCOLTARE LA VOCE DEGLI DEI E POI TE LA RIFERISCE). Un rapporto DIRETTO con la divinità e un rapporto INDIRETTO. Avevi la scelta: la Via dura e secca del Conosci Te Stesso o quella più facile e umida della Pizia. Potevi scegliere, a seconda della natura della tua anima.

Nelle Iniziazioni entrambe le vie erano praticate: a ciascuno venivano date le chiavi per una strada o per l’altra. Libertà spirituale.

A Roma per molti versi non fu diverso. Si pensi alle sei Vestali e al grande potere anche giuridico che avevano: 12 littori, potere assoluto di grazia, nessun uomo a parte il Pontefice Massimo poteva andare a sindacarle, eccetera. Vestali che veneravano Vesta, figlia di Saturno, Dio d’Italia, Saturnia Tellus.

E’ nel mondo moderno che questa frattura tra solare e lunare si approfondisce e si cristallizza. Le attuali religioni di radice abramitica sono tutte totalmente lunari, ancorché i suoi rappresentanti terrestri (i preti delle varie religioni) sono quasi esclusivamente maschi. Se fossi una donna forse penserei che si tratta di una manifestazione di possessione finale e totale del femminile … O meglio: del mistero femminile. Sono un maschio e mi limito a coltivare il dubbio. Dal Solare divino al livello finale dell’esser semplicemente un maschio. Di potere. Questo passaggio involutivo coinvolge tutto, anche la nostra visione del bello, dell’armonia (del greco ARMONIA, parola femminile della stessa radice di ARITHMOS – da cui l’italiano Aritmetica – parola maschile che indica il NUMERO).

La bruttezza nasce non tanto dalla scelta unica della lunarità e dal rifiuto della solarità, quanto piuttosto dal rifiuto dell’equilibrio tra le due grandi forze. E lo squilibrio genera, inevitabilmente, la bruttezza.

La constatazione che la Luna sovrasta il Sole e domina i Quattro Elementi ci fa comprendere che ci troviamo di fronte ad un simbolo lunare.

2) L’analisi energetica ci dice che il glifo di John Dee è stato da lui (o da altri insieme a lui) caricato d’energia. In pratica: un emettitore di sigilli. Testate il glifo e il mostriciattolo e vi renderete conto che si tratta della stessa energia.

Annunci

30 luglio 2012 Posted by | Senza categoria | , | 15 commenti