Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Test collettivo: “la radiazione sottile è già nell’acqua?”

Gradirei che tutti voi che mi leggete rispondeste a questo quesito:

La radiazione sottile (vedi QUI) si sta già accumulando nell’acqua di rubinetto delle nostre case?

Io vivo a Roma ed oggi ho testato l’acqua che esce dai rubinetti di casa mia. Vorrei sbagliare ma mi sembra che contenga troppo ROSSO sottile, troppo GIALLO sottile e troppo BLU sottile. 

1) Tutti coloro che sono in grado di testare la loro acqua sono pregati di farlo, inviando come commento alla presente il loro test, specificando la città in cui hanno effettuato il test.

2) Chi non è in grado di condurre questo test, è comunque pregato di inviare qualsiasi sensazione crede di avere bevendo l’acqua di rubinetto della sua città.

Grazie.

29 aprile 2011 - Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili

18 commenti »

  1. Ciao Roberto io abito a Mentana(Rm), è ad un primo palming si nota la presenza di tutti e tre i colori, ma in netta maggioranza di blu sottile.
    Se dovessi dare delle percentuali:
    1) blu sottile 70%
    2) giallo sottile 35%
    3) rosso sottile 35%

    Commento di Frank61 | 29 aprile 2011 | Rispondi

    • Che tu sappia, a Mentana c’è lo stesso acquedotto di Roma? Insomma: bevete la stessa acqua?

      Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

  2. Credo che la nostra acqua sia dell’acquedotto del peschiera, e non la stessa di Roma.

    Commento di Frank61 | 29 aprile 2011 | Rispondi

    • Ma anche noi, che io sappia, dipendiamo dal Peschiera …

      Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

      • L’acquedotto del Peschiera-Capore è uno dei più grandi del mondo a trasportare soltanto acqua di sorgente. La sua portata media complessivamente addotta alla città di Roma è di approssimativamente 14 m3 / s (14.000 litri/s) e la sua lunghezza totale è di quasi 130 km, il 90% dei quali è sotterraneo. Queste caratteristiche e la complessità delle varie parti che lo compongono (tra cui anche una centrale idroelettrica) la cui realizzazione ha richiesto quasi mezzo secolo oltre ad un ventennio di progettazione preliminare, fanno sembrare un po’ riduttiva la denominazione di acquedotto e perciò sembrerebbe più adeguato parlare di sistema acquedottistico del Peschiera-Capore, il cui nome deriva da quello delle due sorgenti da cui adduce l’acqua. Il sistema Peschiera-Capore è stato realizzato in tutte le sue componenti (opere di captazione, condotte di adduzione, manufatti speciali e sistemi di controllo e regolazione) in un periodo di tempo compreso tra il 1937 e il 1980, attraverso una serie di fasi successive che presentiamo di seguito.
        (WIKI)

        Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

        • Una serie di foto mostrerebbero che in realtà la sorgente del Peschiera è per una parte all’aperto:
          Centrale del Peschiera(RI)

          Commento di Roberto Zamperini | 29 aprile 2011 | Rispondi

  3. Purtroppo dalle notizie in mio possesso non sono molto sicuro di ciò.
    Cercherò di approfondire.
    Come sempre grazie.

    Commento di Frank61 | 29 aprile 2011 | Rispondi

  4. Comunque credo di poter dire che il nostro acquedotto è proprio quello che hai mostrato nella foto.

    Commento di Frank61 | 29 aprile 2011 | Rispondi

  5. acqua di San Giovanni in Persiceto (BO): rosso sottile in eccesso rispetto agli altri colori, giallo anche ma un po’ meno, blu come gli altri. ora che ci penso, negli ultimi giorni sono decisamente più aggressivo e attivo (rispettivamente, eccesso di rosso sottile e giallo sottile?)

    Commento di Luciano Scognamiglio | 29 aprile 2011 | Rispondi

  6. Ho testato la mia acqua convinto di non trovarci niente e invece.. Acqua di casa mia (Aosta) presa da fontana privata situata bordo fiume in mezzo al bosco, condutture interamente sotterranee.

    Cospicua presenza di rosso sottile e giallo sottile. Basta però un’esposizione di qualche minuto al MIDI che l’acqua raggiunge un equilibrio più sano.

    Accidenti!

    Commento di Giovannone(VRRI) | 30 aprile 2011 | Rispondi

  7. Buongiorno a Roberto e a tutti, l’acqua non l’ho bevuta cerco di evitare visto la qualita’ dell’acqua di Rimini.
    Annusandola sembra avere un odore sgradevole che mi lavora dentro la testa.

    Commento di davide | 2 maggio 2011 | Rispondi

  8. Ciao Roberto, incredibile quanto siamo in sintonia! Stavo pensando di realizzare, alla conferenza che terremo il 28 maggio, un test con i vari campioni di acqua pensando proprio all’aumento della radioattività sottile….a proposito: chi vorrà partecipare, appena sapremo indirizzo ed orario della conferenza sarà avvisato. Buona giornata a tutti!P.S: Confermo che anche io sento quanto tu stesso hai percepito riguardo acqua di Roma. Ma…il blu sottile?

    Commento di Sonia Germani Zamperini | 2 maggio 2011 | Rispondi

    • Blu? Ce lo senti, tu, nell’acqua di rubinetto? A me sembra che non ci sia … Ma posso sbagliarmi.

      Commento di Roberto Zamperini | 2 maggio 2011 | Rispondi

  9. Scusa mi sono sbagliata pensavo che il primo post, quello con la percentuale dei colori l’avessi pubblicato tu…invece leggo, ora, Frank61. Scusa…no io non sento blu sottile, infatti, mi chiedevo come fosse possibile.

    Commento di Sonia Germani Zamperini | 2 maggio 2011 | Rispondi

  10. Ho testao l’acqua di casa e sul lavoro e ho trovato delle differenze:
    casa:
    50% circa giallo
    30/40% rosso
    10/20% blu
    lavoro:
    50/60 rosso
    30/40 giallo
    10/20 blu

    Dove lavoro si fanno prove in laboratori ad alta tensione ma ci sono anche molti alberi d’alto fusto.
    Probabilmente i fattori che incidono sulla presenza elevata di Rosso e Giallo sono diversi.

    Commento di Franco | 4 maggio 2011 | Rispondi

  11. Sorry,
    a Milano

    Commento di Franco | 5 maggio 2011 | Rispondi

  12. Salve, l’acqua del rubinetto a casa mia fa’ proprio schifo.
    Non so’ quanto rosso o blu sottile ci sia.
    Non so’ come fare il test, se qualcuno mi può dare indicazioni gliene sarei grato.
    Posso dire, che oltre al fatto che nell’acqua ci galleggia qualcos’altro, un’altra sostanza, che si potrebbe definire “oleosa”, ma non lo è.
    Quando cuocio l’acqua, sulle pareti della pentola si forma una polvere bianca, che definirei come calcare, e non si dovrebbe formare, ne si forma con l’acqua in bottiglia.
    Sto a Torino, vicino a via san donato.

    Commento di Marco | 4 giugno 2011 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: