Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

I libri di Roberto Zamperini editi dalla CRESS Edizioni

Banner CRESS edizioni

ANATOMIA SOTTILE

“Chi vuole muovere il mondo, prima muova se stesso” dice Socrate, così ci siamo mossi sperando di contribuire alla conoscenza del pensiero e delle ricerche svolte da Roberto Zamperini e dal suo team.

In suo onore, nasce la CRESS Edizioni esordendo con un librofondamentale, di ausilio a chi intraprende il percorso TEV – Tecnica Energo-Vibrazionale. Un volume dedicato, inoltre, a quanti vogliono entrare in contatto con una visione più moderna e approfondita dell’Anatomia Sottile.

Parlare del corpo sottile è parlare della nostra essenza più intima, più vera. E “strada leggendo” non si possono ignorare gli innumerevoli spunti di riflessione che portano inevitabilmente a un confronto con se stessi e con la realtà circostante.

Dedichiamo questo libro a coloro che sentono l’esigenza di una visione alternativa all’establishment scientifico in vigore, ricordando che possono prenderci tutto, ma non l’anima, né la coscienza.

Cellula Madre

Un viaggio iniziatico, verso i confini dello spazio siderale fino alla Cellula Immortale ,memoria del passato e del nostro potenziale futuro.

Un libro unico nel suo genere, dove Scienza e Energia si fondono nel pensiero Zamperiniano.

Quando nasce la Cellula Madre. Il momento del concepimento è un evento magico. La Biologia vede questo istante come un semplice incontro tra uno spermatozoo ed un ovocita, una mescolanza di due diversi DNA. E’ molto di più. Lo spermatozoo e l’oocita sono due cellule sessuali. Delle due il più elementare è lo spermatozoo, un semplice portatore di DNA, dotato di una coda molto mobile, piena di mitocondri. L’oocita è molto più grande e complesso. Entrambi sono, comunque, due cellule, ma due cellule molto speciali. Esse sono depositarie non solo di due corredi genetici, ma anche di due chakra, che sono dei campi di memoria molto speciali: due Cellule Madri. Il loro incontro, la loro fusione rappresenta la generazione di una nuova Cellula Madre, che è il campo di memoria di un nuovo individuo.
La memoria nella Cellula Madre. Ho detto che ogni CM è una sorta di campo di memoria. Memoria di cosa? Anche il DNA si può considerare una memoria: la memoria di quello che deve fare la cellula. In che senso la CM è diversa dal DNA? Quali informazioni sono conservate all’interno della CM? La nascita della piccola Julia fu per sua madre Sonia e per me un evento molto importante, non solo perché diventavamo genitori di una bambina, ma anche perché potevamo vivere questa esperienza in un modo piuttosto speciale: una fantastica esperienza energetica.

Estratto Dal Libro “La Cellula Madre e L’energia del Tempo”
della CRESS EDIZIONI.

I libri sono acquistabili su http://www.cleanergyshop.it o in sede: Via dei Sulpici 117 Roma.
Buona lettura.

5 settembre 2016 Posted by | Ambiente, Chakra, Cleanergy, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili, Libri, Medicina, orgone, Personaggi, prana, Roberto Zamperini, Salute, Scienza, subtle energy, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

A ciascuno la sua protezione. I Lari.

Segue a : https://zaro41.wordpress.com/2014/05/21/nonluogo-no-grazie-spazio-antropologico/
https://zaro41.wordpress.com/2014/05/05/genius-loci-e-la-sacralita-di-un-bosco/
https://zaro41.wordpress.com/2014/04/24/divinita-nelle-statue-monumenti-archi-obelischi-eccetera-seconda-parte/
https://zaro41.wordpress.com/2014/04/22/divinita-nelle-statue-monumenti-archi-obelischi-eccetera/

LariI Romani credevano dunque che esistessero, oltre al Genius Loci, delle altre “divinità” minori, vere e proprie presenze, potenze domestiche (i Numina, se si vuole distinguerli dagli Dei veri e propri) come i Lari e i Mani a difesa della famiglia. I Lari erano i protettori del focolare, ovvero della famiglia.

Dice sempre Wikipedia:
I Lari (dal latino lar(es), “focolare”, derivato dall’etrusco lar, “padre”) sono figure della mitologia romana che rappresentano gli spiriti protettori degli antenati defunti che, secondo le tradizioni romane, vegliavano sul buon andamento della famiglia, della proprietà o delle attività in generale.

Naturalmente, i più diffusi erano i Lares familiares, che rappresentavano gli antenati. L’antenato veniva raffigurato con una statuetta, di terracotta o di cera, chiamata sigillum (da signum, “segno”, “effige”, “immagine”). Tali statuette venivano collocate in apposite nicchie e, in particolari occasioni, onorate con l’accensione di una fiammella.

Servio scrisse che il culto dei Lari era stato indotto dall’antica tradizione di seppellire in casa i morti. Secondo la testimonianza di Plauto i Lari venivano rappresentati come cani e le loro immagini venivano conservate nei pressi della porta di casa. In prossimità del Natale dell’antica Roma, si svolgeva la festa detta Sigillaria (20 dicembre), durante la quale i parenti si scambiavano in dono i sigilla dei familiari defunti durante l’anno.

I Lari ebbero anche un culto pubblico: esistevano i Lari dello Stato, e i Lari Compitales (Lari degli incroci).

Alle volte, ai Lari venivano dedicate cappelle o altarini dipinti.

casetta spiritiSe tutto questo vi sembra semplice superstizione di popoli antichi, arretrati e “pagani”, vi voglio ricordare qualche mia esperienza in Thailandia, Paese che ho esplorato per più di un giorno. In quel Paese, dunque, la gente, sempre e prima di costruire una casa o un albergo o anche prima soltanto di iniziare ad ampliare una casa o un albergo o un ufficio pubblico, costruisce la casetta degli spiriti, senza la quale, i thailandesi credono che l’abitazione e i suoi abitanti avranno in futuro ben poca fortuna. Ricordo i sorrisetti di compatimento del gruppo in cui mi trovavo (tutti italiani) che evidentemente considerava questa abitudine null’altro se non sciocca superstizione. Una rapida “occhiata” sottile a tali casette bastava però a rendersi conto le cose erano tutt’altro che legate a sciocca superstizione e che esse erano davvero abitate. Abitate da esseri invisibili, ma non per questo inesistenti!

Circa i Lares Compitales (i Lari degli Incroci), nel mio lungo peregrinare studiando l’energia dei luoghi, ho trovato spesso incroci o tratti di strada maledetti, in cui la frequenza degli incidenti è altissima ed inspiegabile con l’analisi della Statistica. Forse se ai Lares Compitales di quegli incroci fossero stati dedicati alcuni pensieri gentili e meno cartelli di pericolo, la frequenza degli incidenti sarebbe crollata.
by RZ

(segue)

27 maggio 2014 Posted by | Ambiente, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili, Roberto Zamperini, Storia, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Nonluogo? No grazie: spazio antropologico.

Affinché una città o fortezza rimanesse integra, il nume doveva continuare ad abitarvi. C’era dunque anche il Genio di un villaggio o addirittura di una città. Le oche sono collegate al Genius Loci del Campidoglio. Quando Roma, nel 390 a.C. fu invasa dai barbari provenienti dalla Gallia, le oche, starnazzando, svegliarono il console Mànlio Marco Capitolìno, che li mise in fuga. Omero, nell’Odissea, (XII. 205-6), descrive come le Ninfe tessevano di continuo insieme elementi diversi. Racconta Omero che, nella grotta dove trova rifugio Odisseo, sbarcando ad Itaca, «vi sono telai sublimi di roccia, dove le Ninfe / tessono drappi dai bagliori marini…».

A proposito, la parola latina Genius è molto diversa dal suo significato attuale. Genio sta per generatore della vita. Dice Wikipedia: Nella religione romana, il Genio (lat. Genius, plurale Genii) è uno spirito o, più correttamente, un nume tutelare, considerato come il custode benevolo delle sorti delle famiglie e dei singoli. Nel tentativo di chiarirne la natura ne sono state date definizioni approssimative, come “anima”, “principio vitale”, “angelo custode”. Ognuno di noi ha poi un suo genius legato alla propria nascita, il dies natalis, e da qui discende la nostra abitudine di festeggiare il giorno del nostro natale. E, ovviamente, il Natale più importante è, nel Cristianesimo, quello in cui si crede sia nato Gesù.

Un particolare che, come vedremo, assumerà grande importanza nel seguito è il seguente: la parte del corpo in rapporto con il Genio è la fronte. Dice infatti Servio che “la fronte è consacrata al Genio, per cui quando lo veneriamo ci tocchiamo la fronte”. (Mi viene in mente, tra l’altro, l’abitudine di tutte le mamme e tutti i papà di baciare i figlioli sulla loro fronte a mo’ di benedizione e il segno della croce cristiano che parte dalla fronte).

genii_2

Un altro particolare di un qualche interesse è il seguente: i Romani raffiguravano il Genius spesso come una figura alata e la somiglianza con gli angeli del Cristianesimo non mi sembra casuale.

Wikipedia descrive così il Genius Loci: un’entità soprannaturale legata a un luogo e oggetto di culto nella religione romana. Tale associazione tra Genio e luogo fisico si originò forse dall’assimilazione del Genio con i Lari a partire dall’età augustea. Secondo Servio, infatti, nullus locus sine Genio (nessun luogo è senza un Genio) (Commento all’Eneide, 5, 95).

Secondo le prescrizioni del Movimento Tradizionale Romano, il Genius loci non va confuso con il Lare perché questi è il Genio del luogo posseduto dall’uomo o che l’uomo attraversa (come i Lari Compitali e i Lari Permarini), mentre il Genius loci è il Genio del luogo abitato e frequentato dall’uomo. Inoltre quando si invoca il Genius loci bisogna precisare sive mas sive foemina (“che sia maschio o che sia femmina”) perché non se ne conosce il genere.

Prima di chiudere il discorso sul Genius Loci, mi si consenta una digressione al tempo moderno. Con il neologismo nonluogo Marc Augé definisce quei luoghi, quegli spazi che sono identici tra loro in tutto il mondo. Potreste andare a Manila, nelle Filippine, ed entrare affamati in un McDonald come unico luogo in cui non troverete topolini in mezzo ai grandi piatti riscaldati e chiedervi se siete a Manila o a New York o a Roma. Oppure potreste entrare in uno shop dell’aeroporto di Madrid e chiedervi se siete a Madrid o a Parigi o a Londra e forse solo le etichette potranno (ma non sempre) aiutarvi a capire dove vi trovate. Questi sono nonluoghi. Un nonluogo, è evidente, non ha un’anima. Secondo lo stesso Marc Augé il contrario di nonluogo è spazio antropologico. Ma cos’è questo spazio? Quello che ha un’identità, diremmo un’anima e dunque un Genius Loci! Abbiamo creato i nonluoghi uccidendo i geni del luogo! Per vivere in un pianeta dove tutto è uguale a tutto in ogni parte del mondo. E tutto è ormai senz’anima! Che distanza dai Padri Romani! Siamo proprio certi che Loro erano primitivi, arcaici e superstiziosi e noi moderni civilizzati e scientifici?

21 maggio 2014 Posted by | Ambiente, Cleanergy, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Roberto Zamperini, Storia, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Genius loci e la sacralità di un bosco.

bosco3Un’esperienza che tutti possono fare, se hanno sensibilità energetica, è la seguente. In un bosco possibilmente poco frequentato dalle masse e dai turisti, cercate uno spiazzo senza alberi. Ce ne sono un po’ ovunque nei boschi e alcuni d’essi hanno carattere sacro. Bene, entrate nello spiazzo senza tanti complimenti. Testate in giro e non sentirete nulla di notevole. Testate anche la vostra energia complessiva e memorizzatela. Poi, uscite dallo spiazzo. Aspettate qualche minuto e rientratevi, ma, stavolta, con rispetto e circospezione, rivolgendo al bosco una semplice richiesta (mentale o ad alta voce) del tipo: “Posso avere il vostro permesso di entrare?”. Aspettate qualche secondo e testate tutt’intorno a voi e sarete sorpresi di vedere quanti “personaggi” sottili cominciano a farsi vivi. Può darsi che vi sentirete sfiorare, toccare delicatamente. Testate anche la vostra energa e sarete sorpresi nel constatare che è molto più forte di prima. Ecco un esempio “alla moderna” di rapporto corretto ed educato (stavo per dire gentile!) con i genii del luogo!

Perché dovremmo dunque sorprenderci se gli Antichi e i Nostri Padri Romani pensassero che ogni luogo, ogni persona avessero il loro Genius a suo presidio e difesa? A proposito di luoghi, dice infatti Servio che “nessun luogo è senza un genio” (nullus locus sine Genio). Il Genio preesiste al luogo oppure ne diventa il custode con il passare del tempo. Questo processo è l’equivalente di una sorta di acquisizione di un’anima da parte del luogo, se si vuole, un’animazione naturale. Secondo i Romani, vi sono vari tipi di Genius Loci a seconda della natura del luogo.

Le Ninfe (dal greco nymfe “fanciulla futura sposa”) erano considerate figlie di Giove o di Urano e vivevano nelle fontane, nei ruscelli e nel mare. Non erano immortali, ma in genere avevano una lunga vita. Ne esistevano di tantissimi tipi diversi, ninfe dei prati, dei boschi (le Driadi), c’erano le ninfe delle sorgenti e dei laghi, che apportavano fecondità; le ninfe dei campi, dei burroni, dei lagh, degli stagni, delle fonti. Le Nereidi dimoravano nel mare; le Oreadi o Orestiadi nelle montagne e nelle grotte. Le Driadi e le Amadriadi erano spiriti degli alberi, dei boschi e delle foreste; secondo antichissimi miti, ogni Amadriade nasceva con un albero da custodire e viveva nell’albero stesso o nelle vicinanze. Poiché, quando il suo albero crollava, anche la driade moriva, gli dei punivano chi ne aveva causato la distruzione.

Chiunque abbia seguito un corso di Domoterapia con me ben conosce le Amadriadi, che solitamente chiamiamo con il termine più moderno di elementale dell’albero. Ho sentito storie di alberi abbattuti in gran numero nei pressi di quartieri di città, nelle quali, dopo qualche tempo dalla loro scomparsa, le persone lamentavano malattie e sintomi vari. C’è da stare allegri pensando alle deforestazioni sempre più frequenti in questo mondo moderno e ai ripetuti incendi estivi nel nostro Paese!

5 maggio 2014 Posted by | Ambiente, Cleanergy, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Libri, prana, Roberto Zamperini, Salute, Storia, subtle energy, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Divinità nelle Statue, Monumenti, Archi, Obelischi, eccetera SECONDA PARTE

Segue a: Divinità nelle Statue, Monumenti, Archi, Obelischi, eccetera PRIMA PARTE

Da dove proviene questa scienza segreta? Diceva Giuliano Kremmerz:

Le origini della scienza alchimica, della filosofia ermetica e dell’arte spargirica risalgono alla più remota antichità. Nelle fraternità iniziatiche perdura tuttora la tradizione che queste metafisiche trascendentali fiorissero splendidamente in seno alla misteriosa Atlantide ed alla vetusta Lemuria, i cui tempi, cinquantamil’anni prima di Cristo, lasciarono i loro segreti in retaggio ai santuari indiani ed egiziani. Non potendo riferirci a epoche sì remote che il tempo, – che distrugge perfino le idee,—con la sua forza rende incerte, ci limiteremo a scrutare la rivelazione egiziana, i cui sacerdotali documenti ci furono trasmessi sotto forma di geroglifici celati dal triplice velo isiaco…

egitto_34La Scienza Sacra dell’Egitto, gelosamente custodita dai collegi magici, comprendeva l’integrità di quello che noi, al dì d’oggi, chiamiamo Occultismo; comprendeva cioè le varie branche della Perfetta sapienza: la teurgia, la taumaturgia, l’astrologia, l’alchimia[2] e la magia. Da ciò si vede ch’è impossibile considerare isolatamente lo stato d’una sola di queste cognizioni. Un intimo legame le rappiccava e le rappicca l’un l’altra, in virtù della legge dell’analogia, che regna sui tre piani dell’universo, e senza il cui aiuto si cade nelle sterili incertezze della specialità contemporanea.

Dunque, secondo il Kremmerz, è all’Egitto che dovremmo guardare e prima ancora all’India e ancor prima, in un passato ormai nebuloso ad Atlantide. Restando all’Egitto, ai Greci ed ai Romani, è con quest’ultimi che, come vedremo, la Telestica raggiunse (almeno secondo la MIA opinione e la MIA pur limitatissima esperienza) il massimo assoluto di efficacia e potenza. Prima di affrontare di petto questo tema sarà dunque bene dare un’occhiata davvero a volo d’uccello della religiosità romana.

Genius Loci, Lari, Penati: divinità minori della Religio Romana
I Romani, come tanti popoli Antichi, erano perfettamente consapevoli che in Natura tutto è vivo e cosciente e in essa non ci sono solo gli esseri studiati dai biologi, ma anche esseri invisibili, che spesso sembrano posti a difesa di boschi, di sorgenti, di spiagge, di fiumi, di montagne. Insomma, a difesa di luoghi. Loro chiamavano queste divinità “minori” Genii Loci. Il Genius Loci è presente un po’ ovunque nei boschi, presso i fiumi e le sorgenti, le montagne, i vulcani (ma adesso stanno diventando rari a causa dell’inquinamento e soprattutto del nostro pessimo rapporto con la Natura, che tende a scacciarli).

Un tempo, durante i miei corsi di Domoterapia ero solito portare la classe in aperta campagna per insegnare a sentire la presenza degli esseri invisibili della Natura. Ricordo ancora un corso in Sardegna, presso Cagliari, alla Tomba dei Giganti. Dopo le solite rilevazioni d’uso (che sono sempre un po’ “meccaniche” e “meccanicistiche”) scendemmo in fondo ad una sorta di valletta che, evidentemente, era bagnata da un ruscello durante il periodo invernale e durante l’estate era secca, ma ricca di piante e d’alberi. Dopo una prima fase di facile addestramento nel percepire la presenza degli esseri invisibili della Natura di quel luogo magico, gli amici sardi diventarono abilissimi nell’individuare questi esseri e taluno cominciò perfino a vederli.

Roberto Zamperini

24 aprile 2014 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia, Roberto Zamperini, Storia, subtle energy | , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

MESSAGGIO PER CHI PARTECIPERÀ ALLA VISITA GUIDATA DEL 21 APRILE

Ma dove sono finiti i marmi di Roma?

MESSAGGIO PER CHI PARTECIPERÀ ALLA VISITA GUIDATA DEL 21 APRILE Alla scoperta delle Energie Numinose di Roma

Chi non ha mai visitato il Foro Romano e il Palatino spesso resta interdetto dal fatto di vedere solo una serie interminabile di pietre, di statue decapitate, di capitelli abbandonati qua e là, di archi di cui restano solo le tracce delle fondamenta. E al visitatore si chiede uno sforzo immane di immaginazione per ridare a quelle poche pietre senza vita, la grandezza straordinaria d’un tempo.

Ai turisti che visitano le “rovine” della Città Eterna si ripete da sempre una storia: “Le rovine che vedete sono il risultato della devastazione ad opera dei barbari“. Già, i barbari. Ci si immagina barbuti e feroci demolitori venuti dal nord e intenti a devastare Roma e le sue straordinarie bellezze. Ma è proprio vero? La cupola del Pantheon era ricoperta di bonzo trattato in modo da sembrare dorato: alla luce del tramonto creava straordinari riflessi. Come mai oggi è sostituito da piombo? Ci si potrebbe chiedere, tanto per dirne una, che fine abbiano fatto i tantissimi preziosi marmi che ornavano palazzi, templi e ville. Possibile che siano tutti scomparsi? Polverizzati, volatilizzati? Ma dai, non può essere. E di fatto, non è così. E poi: che fine hanno fatto le innumerevoli statue di divinità che dovevano pur esserci nella “piissima Roma“. Possibile che così poche statue di Dèi si siano ritrovate nella Roma moderna? Che fine hanno fatte le migliaia e migliaia di altre che pur dovevano esserci?

Ecco una risposta:

Inoltre, molte statue di Dèi vennero occultate sottoterra dai “pagani” sopravvissuti alle purghe cristiane, tanto che vennero ritrovate vere e proprie necropoli di statue in certi luoghi (Cipro, Benevento, Capua, eccetera).

Le pietre – come quelle utilizzate per la costruzione del Colosseo – servirono come pietre di costruzione dei nuovi templi e di ville patrizie.

Sì, ma i marmi? Il Colosseo venne letteralmente “smembrato” per costruire i nuovi templi. E i marmi? Vennero utilizzati per costruire chiese cristiane. Li ritrovate nelle chiese, nelle ville dei nuovi patrizi, o distrutte per farne calce. Quando visitate San Pietro, ricordate che gran parte degli splendidi marmi che la ornano erano parte di templi “pagani”.

Roma è stata devastata dall’odio degli italiani, non da quello dei barbari. Una devastazione che non è ancora terminata …

PS1: il bravo Bondì – regista del film – fa dire un errore all’amico di Namaziano, che sostiene che si sa che nelle statue degli Dèi non c’è un’anima. L’anima in quelle statue c’è e chi sente l’energia (come la sentivano gli auguri romani) se ne rende conto.

PS2: Se vi interessa De Reditu Suo (Il suo ritorno), poemetto di Rutilio Namaziano, esiste una traduzione opera niente popo’ di meno che di Carducci e la potrete trovare sul Web. Eccone un frammento:

“Del tuo mondo bellissima regina, o Roma, ascolta;
o Roma, nell’empireo ciel accolta madre,
non pur degli uomini ma de’celesti.
Noi siam presso al cielo per i templi tuoi.
Ora te, quindi cantisi sempre, finché si viva;
dimenticarti e vivere chi mai potrebbe, o diva?
prima del sole negli uomini vanisca ogni memoria,
che il ricordo, nel cuor, della tua gloria.
Già, come il sol risplendere per tutto, ognor, tu sei.
Dovunque il vasto Oceano ondeggia, ivi tu vai.
Febo che tutto domina si volge a te:
da sponde romane muove, e nel tuo mar s’asconde.
Co’ suoi deserti Libia non t’arrestò la corsa;
non ti respinse il gelido vallo che cinge l’Orsa;
quanto paese agli uomini vital, Natura diede,
tanta è la terra che pugnar ti vede.
Desti una patria ai popoli dispersi in cento luoghi:
furon ventura ai barbari le tue vittorie e i gioghi;
ché del tuo diritto ai sudditi mentre il consorzio appresti,
di tutto il mondo una città facesti.”

31 marzo 2012 Posted by | Ambiente, Storia | 3 commenti

Alla scoperta delle Energie Numinose di Roma

Visita guidata alle

energie numinose

di Roma

il 21 aprile 2012 Natale di Roma

ai Fori e al Palatino

Guida: Roberto ZAMPERINI
Costo: assolutamente gratis, ma è obbligatoria la prenotazione presso il CRESS.

Non saranno ammesse persone non prenotate presso il CRESS.

L’appuntamento per l’inizio della visita sarà fornito dalla Segreteria CRESS.

Obbligatorio altresì portare un mazzo di fiori (anche piccolo) a Cesare

Orario della visita: ore 9 – 13

info@irescress.it

tel.: 06 768613 (dalle 9 alle 14)

Skype: c.r.e.s.s. 2

Livello di partecipazione minimo: Introduttivo TEV, preferibilmente Domoterapia 1 o più

Non sono ammessi esterni che non abbiano seguito almeno l’Introduttivo

Consigliate scarpe da ginnastica. Portate con voi

dei biglietti da visita o una vostra carta di credito

e uno o più cristalli mai usati in precedenza e perfettamente puliti.

Poi saprete il perché.

31 marzo 2012 Posted by | Ambiente, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia | 2 commenti

Cellule, celluline e Cellule Madri (3)

Continua a leggere

20 marzo 2012 Posted by | Ambiente, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili, Ermetica ed Alchimia | 14 commenti

La TEV sulla TAV!

Avevo detto che non mi sarei espresso senza aver sentito le vostre percezioni e così ho fatto. Devo dire che, in genere, tutto ciò che avete scritto mi trova d’accordo. Ma andiamo per punti …

1) C’è una linea che congiunge tutti questi punti, sì o no? Non sono un esperto di Geografia, ma, a occhio, mi sembra proprio di no. Aspetto, però, il giudizio definitivo di chi ci capisce.

2) Non parlo di Gerusalemme come chakra del pianeta, anche perché, se così fosse, staremmo davvero messi molto male. Gerusalemme, almeno oggi, è solo un bel mucchio di congestione. Se è uno dei chakra del mondo, allora aspettiamoci la fine nell’anno in corso, come dicono i Maya! In questo mi trovo pienamente d’accordo con il Lettore Skyluke. Forse questa orribile situazione energetica è dovuta ai conflitti che da decenni scuotono quella regione? Forse. Non so. Ma dire che Gerusalemme è un chakra tellurico mi fa ridere. E perché non Brescia o Palermo o Rieti? (Città di enorme interesse energetico, tra l’altro, anche se a nessuno verrebbe in mente di definirli “chakra planetari”).

Continua a leggere

13 marzo 2012 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile | 4 commenti

Parliamo ancora della TEV? No, stavolta della TAV!

L’amica Silvia Ramalli ha postato su FB nel Gruppo “Quelli dell’Energia Sottile” il seguente Video:

Prima di esporre le mie idee, presento, semplificando un po’ ed eliminando i tempi morti (per me insopportabili) del video, quanto in esso viene presentato.

Pre-premessa:

E’ in atto un grande risveglio dell’umanità che viene osteggiato dalle entità ostacolatrici e contro-evolutrici. Questi ostacoli comprendono anche il boicottaggio delle ley.

1) Le ley sono linee larghe circa 2 metri equidistanti tra loro, che percorrono l’intera superficie terrestre, incrociandosi tra loro in modo da formare una rete.

2) Nei punti in cui si incrociano le ley sorgono antichi templi e monumenti pagani. (Esempio: Stonehenge)

3) Le ley costituiscono una griglia sulla quale si fonda la struttura stessa della Terra.

4) La ley detta di San Michele è una delle più importanti. Cattedrali dedicate a San Michele. E’ lunga 2000 km ed è assolutamente diritta. Gerusalemme –  Monte Sant’Angelo sul Gargano – Sacra di San Michele in Val di Susa – Le Mont Saint Michel in Bretagna – Mont Saint Michael in GB

5) La Val di Susa è sulla ley di San Michele. Monte Musinè: una Montagna Sacra. Montagna ricca di incisioni rupestri. Presenza di un obelisco misterioso che presenta strane incisioni. (Ma, se lo cerchiamo su Google, non ne troviamo fotografie chiare e dettagliate. Se è tanto importante e misterioso, è possibile che nessuno vada sul Monte Musiné – che non neppure troppo difficile da scalare – per fotografarlo? Mistero nel mistero). In più c’è stata un’altra strana targa comparsa e poi scomparsa. Presenza di numerose coppelle (presenti in tutte le Alpi). Sarebbero da collegarsi a costellazioni stellari.

Conclusione: il traforo della Val di Susa avrebbe come scopo occulto quello di distruggere una parte del ” patrimonio energetico e spirituale” d’Italia e dell’Europa intera. Questo attacco fa parte di un’aggressione complessiva ai “luoghi santi” della Terra.

Continua a leggere

12 marzo 2012 Posted by | Ambiente | 17 commenti

Ancora immagini sulla tempesta solare del gennaio 2012

Guardate e provate a testare (sulle miniature cliccate per l’ingrandimento). Osservate anche la straordinaria aurora boreale generata dalla tempesta!

(fonte NASA)

27 gennaio 2012 Posted by | Ambiente, Energie Sottili, Salute, Scienza, subtle energy | 6 commenti

Guardate cosa sta combinando il Sole!

E’ in atto una tremenda tempesta solare, che ha avuto il suo massimo il 25 gennaio 2012. Date un’occhiata a queste strabilianti immagini (cliccare per ingrandire):

26 gennaio 2012 Posted by | Ambiente | 18 commenti

L’atmosfera non è solo aria … (5)

Dunque, abbiamo visto che la noosfera è davvero talmente tanto piena di schifezze, che il dottor Steiner arrivava a dire che è ormai è diventato impossibile pervenire ad una qualsiasi forma di Iniziazione. Siamo troppo sporchi e non c’è via di salvezza. Che è come dire che siamo immersi nell’atmosfera e la noosfera del Kali Yuga! Nel Kali Yuga sei nato e nel Kali Yuga dovrai morire! E pensare che,  ai tempi del dottore, il blob che ci sovrasta, ci avviluppa e ci limita era forse solo un milionesimo di quello attuale, soprattutto grazie alle tante belle congestioni elettromagnetiche che si espandono con aumento esponenziale. Niente da fare, dunque e mettiamoci l’animo in pace. Almeno, questo è quello che pensava lui, che era sì un Maestro, ma comunque era anche un umano e come tale soggetto ad errori e con i suoi limiti mentali. Ma soprattutto limiti conoscitivi.

Continua a leggere

21 ottobre 2011 Posted by | Ambiente, Conosci Te Stesso, Crescita Personale, Energie Sottili | 54 commenti

Ma che succede nell’atmosfera? (4)

Segue a  Che succede agli astronauti?   Che succede agli astronauti? (2)   Atmosfera, noosfera, astronauti e chakra coronale (3)

Prego i Lettori che non avessero letto questi articoli, di leggerli, prima di commentare questo.

Negli articoli precedenti ho sommessamente avanzato l’ipotesi che l’espansione del chakra coronale degli astronauti fosse dovuta alla loro permanenza in orbita fuori dell’atmosfera. Un’ipotesi sussurrata ma, siamo sinceri, era proprio quella da cui partivo, ma che non volevo imporvi sin dal principio, per non strozzare il dibattito. Insomma, ho fatto il finto tonto.

E allora mettiamo un po’ d’ordine:

1) la nostra atmosfera è carica di quelle che – provvisoriamente – chiameremo forme pensiero negative o FPN atmosferiche;

2) se è vera l’ipotesi di partenza allora queste FPN  atmosferiche devono essere più pesanti dell’aria o quanto meno pesanti all’incirca come l’aria, altrimenti sfuggirebbero nello spazio e noi non ci troveremmo in questa sorta di camera a gas psichica;

3)  se è vera l’ipotesi di partenza allora queste FPN atmosferiche devono, presumibilmente, essere “fatte” di elemento aereo o Aer.

Continua a leggere

10 ottobre 2011 Posted by | Ambiente, Crescita Personale, prana, Quattro Elementi | 12 commenti

Atmosfera, noosfera, astronauti e chakra coronale (3)

Segue a Che succede agli astronauti? e Che succede agli astronauti? (2)

Consiglio di leggere o rileggere

La misteriosa Energia Oro e il Cosmo vivente (2)

I Sette Raggi: il Quarto Raggio, l’Energia d’Oro e Castel del Monte (2)

I Sette Raggi: il Quarto Raggio, madre di tutte le Energie d’Oro (1)

Un (altro) folle esperimento: come creare forme-pensiero con il Midi Cleanergy 07.11

__________________

Riepilogo le cose che sembrano emergere:

Continua a leggere

30 settembre 2011 Posted by | Ambiente, Chakra, Crescita Personale, Sperimentazioni | 17 commenti

Che succede agli astronauti? (2)

In Che succede agli astronauti?, avevo proposto ai Lettori del Blog questo interrogativo: Perché gli astronauti hanno grandi corone? Sembra che il tema non abbia interessato più di tanto i Lettori, visto che il solo Valerio ha scritto quanto segue:

Interessante! Non ho visto il programma però tenterò ugualmente di rispondere alla domanda num. 2. Potrebbe essere che l’energia del Sole, se non dico una castroneria, tra le altre cose dovrebbe attivare il Coronale. I raggi solari (e quindi anche l’energia sottile) sono filtrati pesantemente dall’atmosfera modificando la loro struttura e intensità. Cosi gli astronauti, superando questo “ostacolo”, sono esposti al 100% dell’energia solare. Questa è la mia ipotesi.

Una tesi interessante, da me ritenuta anche del tutto condivisibile, anche se non spiega perché l’assenza di gravità espanderebbe la corona. Qui ve ne propongo un’altra, suggeritami da un amico del quale per il diritto alla privacy non rivelo il nome.

Continua a leggere

28 settembre 2011 Posted by | Ambiente, Chakra | 33 commenti

Fuorilegge le vecchie lampadine da 60 watt

Le buone, vecchie anche se sprecone lampadine ad incandescenza sono più fuorilegge di un bandito del West. Una prece. Nel frattempo, per render loro l’onore che meritano, vi ripropongo una serie di articoli che avevo dedicato al passaggio alle “nuove” lampadine a fluorescenza:

Ipotesi bioplasmoidi. CFL, il cancro da smog elettromagnetico e altri malanni (GD 15) 

I preoccupanti risvolti della diffusione delle lampade fluorescenti: bioplasmoidi di tutto il mondo unitevi! (GD 16)  

Per una nuova Domoterapia Sottile: lo sai che la tua lampada fluorescente crea un bioplasmoide vicino a te? (GD 17)

Lampade fluorescenti, bioplasmoidi, il Cleanergy e i nostri chakra (BioCl 1) 

 Chakra, Cleanergy e il bioplasmoide che si forma nella CFL (BioCl 2) 

I chakra, le CFL e il bioplasmoide globale (Biogl1)

2 settembre 2011 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile | 6 commenti

L’iPad fa male ai reni

VENDE UN RENE PER COMPRARSI L’IPAD  – E’ accaduto in Cina, nella provincia meridionale di Guangdong. Zheng, un ragazzo di soli 17 anni, ossessionato dall’hi-tech, ha risposto ad un annuncio on-line per realizzare il suo sogno. Duemila euro in cambio dell’organo. In altro modo, non se lo sarebbe potuto permettere. E così, non ha esitato a farsi operare

Apple: Usa, tavolette ipad all'asilo

Il resto leggetelo QUI.

3 giugno 2011 Posted by | Ambiente, Cronaca | 3 commenti

L’aspetto denso e quello sottile della manipolazione

Avram Noam Chomsky,  è un filosofo di padre ebreo, politicamente di sinistra. La sua specializzazione è la comunicazione. In un blog, scritto da una giovane donna (che non conosco personalmente) che credo si chiami Marta Traverso, trovo una bella sintesi del pensiero di Chomsky riguardo alle tecniche di manipolazione delle nostre menti, messe in atto dalla politica e dai mass-media.

Per uno studio più approfondito, vi rimando alla lettura del blog della Traverso. Qui ve ne farò solo un breve sunto elencando semplicemente le dieci regole che il potere utilizza per fregare ben bene la gente.

Prima di iniziare, vi prego, però, di ricordare il principio di interazione “denso-sottile” che io stesso ho formulato a suo tempo e riportato credo in quasi tutti i miei libri, che afferma:

ad ogni flusso d’energia denso corrisponde un flusso d’energia sottile

Questo significa che, se accendete una lampadina, create anche un flusso d’energia sottile. Se accendete il cellulare, con il suo forte campo elettromagnetico, create anche un flusso di energia sottile di stessa natura. Ne viene che esistono energie dense utili e non nocive, come la luce del Sole, se presa con giudizio, e energie dense nocive anche a livello sottile, come quella dei cellulari, dei forni a microonde, dei radar, della radioattività.

Continua a leggere

27 maggio 2011 Posted by | Ambiente, Conosci Te Stesso, Energie Sottili, Nuovi miti | 6 commenti

Il 2012, la “vera” fine del mondo e il crollo dell’Impero Romano

Tra bufale estratte dalla Bibbia degli ebrei o bufale estrapolate dalla Bibbia dei Maya, ogni giorno qualche Cassandra biblica predice una nuova fine del mondo. Il 21 maggio era stata prevista da un tale Harold Camping di professione reverendo , che ci assicura essere un grande conoscitore della Bibbia. Dalla Bibbia, il reverendo avrebbe tratto informazioni precise tramite l’ennesimo codice segreto da lui scoperto, secondo le quali il 12 maggio il buon Dio aveva decretato la fine del mondo. A proposito, ma Braden che fa? dorme? si fa scippare i codici della Bibbia e non dice niente? Niente copyright sui codici di Isaia? Sul fatto che il reverendo sia un grande conoscitore del libro sacro, io personalmente, ci credo sulla parola. Devo però notare che la sua scoperta del codice segreto nascosto nella Bibbia deve essere ancora messa a punto: la fine del mondo, il 21 maggio, non c’è stata. Magari si può rimandare al prossimo anno, ma, per carità, prima del fatidico 21 dicembre, data dei Maya, sennò mettiamo in concorrenza la Bibbia ebraica con quella Maya.

Continua a leggere

26 maggio 2011 Posted by | Ambiente | 26 commenti

I filtri per l’acqua, il Cleanergy, i rimedi vibrazionali, l’energia oro ed altro ancora (1)

Molti mi chiedono:

1) “Trovo che l’acqua di rubinetto della mia città sia molto congesta. Possiedo un Cleanergy. Può pulirla? Come fare?”

2)  “Preparo dei rimedi vibrazionale (per me, per la mia famiglia, per lavoro, eccetera)  e possiedo un Cleanergy. Con esso vorrei preparare l’acqua per i miei rimedi vibrazionali. Come fare?”

Carbone iperattivo

3) Altri chiedono invece: “Possiedo un Cleanergy e con esso vorrei attivare delle medicine o dei rimedi vibrazionali. Se lo lascio per troppo tempo non mi cambia la natura del rimedio?  Come fare?”

Alla prima domanda rispondo subito: no, il Cleanergy agisce sulla componente sottile e non su quella densa, Se nella tua acqua c’è del cloro o dei metalli pesanti, il Cleanergy non farà nulla per cambiare le cose.

Prima di rispondere direttamente agli due quesiti quesiti, affrontiamo un problema ad essi spesso collegato e che i miei Lettori mi hanno a volte presentato:

Come trattare l’acqua e quali sono i problemi della scelta dei filtri?

Continua a leggere

25 maggio 2011 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Sperimentazioni, Strumenti | 34 commenti

Artemisia: parliamo dell’acqua

16 maggio 2011 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Seminari e Convegni | 3 commenti

In attesa del devastante terremoto romano dell’11 maggio

(Già pubblicato sul Blog Vele di Luce in data 3 maggio 2011)

Ma insomma: ci sarà o no ‘sto terremoto devastante che raderà al suolo la Città Eterna l’undici di maggio? Voci più o meno autorevoli dicono di no. Per esempio, l’ormai celebre Giuliani, l’uomo che avvisò per tempo del pericolo che correva l’Aquila e che fu snobbato dai sismologi meanstream  ci dice: “Sembrerebbe di no”. La storia si direbbe la solita bufala creata ad arte nel web. I romani fanno mostra di beffarsi di simili menagrami. Inoltre, dal piccolo centro studi che conserva gli scritti di Bendandi, giurano che non esiste alcuno suo studio che dimostrerebbe questa catastrofe. Epperò, c’è anche chi dice che, proprio secondo la tecnica del Bendandi che si basava su osservazioni astronomiche, un allineamento planetario ci sarebbe e ci sarebbe proprio in quella data e produrrà una terribile catastrofe. Tutte sciocchezze, rispondono dall’Università della Sapienza.

A chi credere, dunque?

Io vi dico: “Boh, non lo so, perché non sono un geologo e meno che mai un sismologo, ma vi vorrei raccontare un’altra storia”. Una storia antica romana.

Continua a leggere

4 maggio 2011 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili, Storia | 1 commento

Giuliani parla di Bendandi

2 maggio 2011 Posted by | Ambiente | 2 commenti

La vera bestia

30 aprile 2011 Posted by | Ambiente | 10 commenti

Test collettivo: “la radiazione sottile è già nell’acqua?”

Gradirei che tutti voi che mi leggete rispondeste a questo quesito:

La radiazione sottile (vedi QUI) si sta già accumulando nell’acqua di rubinetto delle nostre case?

Io vivo a Roma ed oggi ho testato l’acqua che esce dai rubinetti di casa mia. Vorrei sbagliare ma mi sembra che contenga troppo ROSSO sottile, troppo GIALLO sottile e troppo BLU sottile. 

1) Tutti coloro che sono in grado di testare la loro acqua sono pregati di farlo, inviando come commento alla presente il loro test, specificando la città in cui hanno effettuato il test.

2) Chi non è in grado di condurre questo test, è comunque pregato di inviare qualsiasi sensazione crede di avere bevendo l’acqua di rubinetto della sua città.

Grazie.

29 aprile 2011 Posted by | Ambiente, Domoterapia Sottile, Energie Sottili | 18 commenti

La radiazione nel latte?

Conservazione con metodi radioattivi

Le radiazioni ad alta frequenza hanno un’azione microbicida che si esercita con interferenze dirette sul chimismo degli acidi nucleici. Tale azione si manifesta, con efficacia crescente, con la radiazione ultravioletta (UV) e con le radiazioni ionizzanti.

I raggi UV hanno impieghi limitati per quanto riguarda sia il settore di applicazione sia il Paese, in funzione delle specifiche normative. Più complessa è la posizione delle radiazioni ionizzanti, sull’uso delle quali ci sono controversie a causa di un presunto rischio nei confronti dei consumatori[26]. In Italia la normativa vigente fa capo al D.L. n. 94 del 2001, che recepisce le Direttive UE n. 2 e 3 del 1999[27]. In ambito comunitario è ammesso il trattamento di vari alimenti, fra cui bulbi, tuberi, pollame, cosce di rana, spezie, condimenti. In Italia l’unico impianto autorizzato è a San Benedetto dei Marsi, impiegato per l’irradiamento antigermogliativo di patate, cipolle e aglio[26], e in tutta l’Europa sono autorizzati circa 15 impianti[27].

(WIKIPEDIA) Continua a leggere

29 aprile 2011 Posted by | Ambiente | 1 commento

Incredibile ma vero! A Milano, McDonald’s ne fa una buona!

Il fast food apre la porta a fonti rinnovabili, risparmio ed efficienza energetica. A Lainate, in provincia di Milano, McDonald’s ha inaugurato il suo primo ristorante verde d’Europa: si alimenterà solo con la luce del sole, la forza del vento e il riutilizzo delle proprie biomasse. Entro tre mesi, infatti, il punto sarà autonomo al 100% grazie a una centrale di trigenerazione che, sfruttando l’olio esausto delle cucine, produrrà 70 chilowatt di energia elettrica, 45 di frigorifera e 90 di termica.

La struttura del nuovo ristorante è antisismica e dotata di un sistema di supervisione e gestione “intelligente” per le utenze elettriche e termiche chiamato “Einstein”, che comunica in tempo reale anche ai visitatori i dati di consumo e di risparmio su monitor posizionati all’entrata. Ma non è tutto. Sono numerosi gli altri accorgimenti green utilizzati: dall’asfalto ecoattivo (colpito dalla luce solare aziona un principio di riduzione degli agenti inquinanti), alle nuove generazioni di impianti frigoriferi che permettono un risparmio di energia dal 16% al 28%. E nel parcheggio sono situate delle torrette per la ricarica gratuita delle vetture elettriche.

I costi sostenuti per la realizzazione del ristorante sono stati di oltre il 20% superiori alla media. Ma si stima tra i cinque e gli otto anni il rientro dell’investimento grazie alle efficienze energetiche.

Fonte http://sorgenia.wordpress.com/

29 aprile 2011 Posted by | Ambiente | 12 commenti

Ma è vero che senza nucleare siamo fregati?

FONTE

L’ECOPENSIERO

In Kenya sorgerà il parco eolico più grande d’Africa

In Africa, 700 milioni di persone non hanno accesso all’elettricità e con il progresso, il fabbisogno energetico del continente aumenterà sicuramente. Il modo migliore per procedere quindi è quello di creare impianti basati sulle energie rinnovabili, in un continente dove il sole splende luminoso e il vento soffia forte.

In Kenya presto sorgerà un progetto da 870 milioni dollari per un parco eolico, il Lake Turkana Wind Power (LTWP), che una volta completato (la data di inizio della costruzione è fissata al dicembre di quest’anno) sarà il più grande in Africa. Costruito oltre il bacino del lago Turkana, questo parco eolico potrà vantare 360 turbine, generando 300 megawatt di potenza. Questa è abbastanza energia per alimentare migliaia di case e per immettere il surplus nella rete elettrica del Kenya.

Continua a leggere

27 aprile 2011 Posted by | Ambiente | 3 commenti

Nucleare in Italia: passata la festa gabbato lo santo.

Che v’avevo detto? In  Il Referendum sul nucleare non è morto: non facciamoci fregare avevo avvertito del pericolo che, una volta disinnescati i referendum e contando sulla scarsa memoria degli Italiani, si ritornasse a legiferare sul necleare come se niente fosse successo, niente Chernobyl, niente Fukushima, niente Three Miles Island. Il nostro presidente del Consiglio l’ha candidamente ammesso: si faranno passare dei mesi, due anni al massimo e poi si riprenderà a parlare di centrali nucleari.

Nel frattempo, si bombarda quel Gheddafi del quale pochi mesi prima si erano baciate le mani. Non so più che pensare… Anzi, i pensieri più neri e negativi si affastellano nella mia mente: forse che le mazzette che si possono prendere con le costosissime centrali nucleari sono ben più interessanti di quelle tanto al barile, che aveva promesso l’oramai inutile Gheddafi? No, per favore, ditemi che non è così, che non è vero, che è solo paranoia primaverile …

27 aprile 2011 Posted by | Ambiente | 2 commenti