Il blog di Roberto Zamperini

Se preferite avere un cancro piuttosto che pensare, cambiate Blog

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? Suoni e chakra (2)

Bosman si inoltra in una serie di considerazioni che lui stesso definisce “Geometria Sonica Sacra”. Evito di analizzare in toto il  pregevole scritto di Ananda Bosman, anche perché non l’ho letto con l’attenzione che probabilmente merita e vado direttamente alle mie esperienze personali circa le affermazioni sue e dei suoi allievi (o dovrei dire seguaci?).

Ricordo che 440 Hz è l’attuale intonazione del diapason, ciò che significa che ogni musica che ascoltiamo è prodotta da strumenti intonati con questo diapason. Mentre, secondo Bosman e compagni, l’intonazione perfetta, naturale e perfino terapeutica è quella basata sulla frequenza di 432 Hz. Riporto per inciso un’informazione contenuta nel pdf sulla Rivoluzione Omega, che personalmente ignoravo: Rudolf Steiner parla in molti suoi libri di un libero tono eterico, un’armonica addizionale che opera in risonanza e simpatia con lo strumento. Se la citazione di Mick Jagger mi aveva lasciato assolutamente freddo, la citazione di Steiner, al contrario, mi aveva fatto alzare le antenne!

Premetto che il punto essenziale – anche se non il solo – del ragionamento di Bosman, mi sembra sia legato al fenomeno delle risonanze di Schumann, che lui, adottandolo con una certa approssimazione, indica in 8 Hz. Con la semplice Aritmetica, si dimostra che 432 è un multiplo esatto di 8 (54 x 8 = 432), anche se, in verità, lo è anche 440 (55 x 8 = 440). Se però assumiamo 440 come La, la frequenza del Do è 261,626; mentre se assumiamo 432 come La, la frequenza del Do è circa 256 (per l’esattezza 256,869). E si ha che 256 è un multiplo esatto di 8 (256 = 32 x 8), mentre NON lo è 261 (261 = 8 x 32,625).

Dunque, un’intonazione basata sul La = 432 è connessa ad un Do = 256, entrambi multipli di 8. E la frequenza di 8 Hz è – non dimentichiamolo – la frequenza di Schumann, il respiro della Terra, ma, occorre ripeterlo, si tratta di un valore approssimato.

Questi sono solo ragionamenti teorici, ma, sostengono Doria, Vallega e Bosman, è proprio questa intonazione quella che suscita nel 90% degli ascoltatori il massimo di piacere ed entusiasmo.

Ho già esaminato altrove (La “magica” frequenza di 8 Hz e la risonanza SchumannLa risonanza della Terra sta cambiando?) il fenomeno delle risonanze di Schumann. In quelle sedi, abbiamo visto che

1) la frequenza di risonanza Schumann è di circa 8 Hz (che significa: otto cicli al secondo) ma più esattamente 7.83 Hz;

2) esistono delle armoniche di questa frequenza di base, che sono 14.3, 20.8, 27.3 e 33.8 Hz.

La prima cosa che ho fatto è stata di prendere un tema musicale e di portarlo a 432 Hz, seguendo le indicazioni di Bosman e compagni, per verificarne l’effetto su di me a livello energetico. Vorrei qui ricordare uno dei principi basilari della TEV (Tecnica Energo-Vibrazionale):

Quando una sostanza o un’energia ci sono benefici assistiamo ad un’espansione dell’aura complessiva.

Quando una sostanza o un’energia ci sono indifferenti l’aura complessiva resta pressoché immutata.

Quando una sostanza o un’energia ci sono dannosi assistiamo ad una contrazione dell’aura complessiva.

Si tratta di un principio semplice da comprendere e facile da applicare, grazie al quale possiamo testare l’effetto su di noi di farmaci, rimedi omeopatici, alimenti, bevande e perfino colori e luoghi (ovvero se vogliamo verificare se un luogo, un’abitazione soni o vi sono presenti geopatie).

Il pezzo da me scelto fu un celeberrimo concerto per piano di Mozart, che per prima cosa ascoltai nella versione originale a 440. Poi, grazie ad un’applicazione free che si chiama audacity, ho portato quel brano a 432 Hz.  L’ascolto del brano a 440 Hz (oltre il godimento estetico) non dava particolari attivazioni né di aura, né di chakra. Al contrario, l’ascolto dello stesso pezzo a 432 Hz dava luogo a fenomeni estremamente interessanti.

Eccovi un resoconto:

1) espansione generale dell’aura;

2) espansione del chakra frontale;

3) attivazione del Campo Ordinatore delle onde alfa.

Tutto esattamente secondo le indicazioni di Bosman, Doria e Flavia Vallega! Conclusione personale: la Rivoluzione Omega NON è una bufala!

Il passo seguente fu quello di portare lo stesso pezzo all’intonazione di 7,83 Hz. Questo comporta un abbassamento del tono pari al 96,096% rispetto alla frequenza “originale” di 440 Hz. Il brano, insomma, diventa un bel po’ più basso dell’originale.

Ecco il resoconto dell’ascolto a 7,83 Hz:

1) nettissima espansione dell’aura;

2) parziale espansione del chakra frontale;

3) nettissima espansione del chakra coronale anteriore;

4) espansione del chakra della nuca minore;

5) parziale espansione Campo Ordinatore delle onde alfa;

5) notevole espansione del Campo Ordinatore delle onde theta.

Ricordo che il chakra coronale anteriore, il Campo delle onde theta e il chakra della nuca minore sono strettamente connessi ai processi di guarigione e di rigenerazione dei tessuti. (Vedi La Cellula Madre – Macro Edizioni)

Per chi volesse sperimentare gli effetti della musica ad 8 Hz e a 7,83 su se stesso, ma senza imbarcarsi in operazioni troppo difficili con Audacity ho preparato tre file dello stesso concerto mozartiano (in mp3! attenzione: la qualità NON è proprio il massimo!):

1) concerto a 440 Hz

2) concerto a 432 Hz (8 Hz)

3) concerto a 7,83 Hz

Invito chi mi legge a scaricarsi questi tre file e a testare l’effetto su se stessi. Aspetto feedback!

(segue)

 

_________________________________

Sui chakra vedi anche:

La “magica” frequenza di 8 Hz, la risonanza Schumann e i nostri chakra

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? Suoni e chakra (2)

Rivoluzione Omega: una rivoluzione a metà? Dai suoni ai chakra (3)

Come e perché è nata l’Antenna Zamperini (1)

I Sette Raggi (il primo ABC: cosa sono i Sette Raggi?)

La misteriosa Energia Oro e la doppia realtà (3)

I preoccupanti risvolti della diffusione delle lampade fluorescenti: bioplasmoidi di tutto il mondo unitevi! (GD 16)

Chakra e problemi di salute: la prostata

Chakra maggiori e i Chakra minori: qualche necessario chiarimento (Ch1)

Ma quanti sono i Sette Chakra? Il concetto della circolazione energetica (Ch2)

I chakra delle donne girano al contrario? Ma mi faccia il piacere …! (Ch3)

“Lo sa che i suoi chakra girano al contrario?” “Ma mi faccia il piacere …!” (Ch4)

Chakra, Cleanergy e il bioplasmoide che si forma nella CFL (BioCl 2)

I Chakra, il Cleanergy e il bioplasmoide che si forma nella CFL (BioCl 3)

Ma come girano i miei chakra? (Ch5)

ABC dei chakra:”il primo chakra” o chakra basale (ABC-Ch1)

I chakra, le CFL e il bioplasmoide globale (Biogl1)

 

23 marzo 2010 - Posted by | Chakra, Energie Sottili, Musica, Roberto Zamperini, Tecnica Energo-Vibrazionale | , , , , , , , , , , ,

14 commenti »

  1. Ma con audacity come si fa ad abbassare l’intonazione di un brano per ascoltarlo alla frequenza sia di 432Hz,7,49Hz e di 7,83.

    Commento di Frank61 | 23 aprile 2010 | Rispondi

    • Per modificare l’intonazione con Audacity basta selezionare nel programma la traccia audio da modificare e poi scegliere dal menù effetti “cambia intonazione”.

      Commento di FreeSilio | 26 aprile 2010 | Rispondi

  2. Come si fa a misurare l’espansione dell’aura?

    Commento di FreeSilio | 26 aprile 2010 | Rispondi

  3. “Come si fa a misurare l’espansione dell’aura?”
    Be’, qui non posso certo spiegartelo. Ti consiglio di chiedere aiuto ai Super Esperti del Forum delle Energie Sottili. Il Link sta nel Blogroll.

    Commento di zaro41 | 26 aprile 2010 | Rispondi

  4. “Per modificare l’intonazione con Audacity basta selezionare nel programma la traccia audio da modificare e poi scegliere dal menù effetti “cambia intonazione”.
    Si questo lo so, ma quali sono i parametri per capire se si sta utilizzando la giusta frequenza. Ad esempio io sapevo che per abbassare la frequenza a 432Hz bisogna andare su semitoni ed inserire -0,32 e su percentuale di cambiamento -1,818.
    Ti ringrazio comunque per la tua risposta e buona giornata.

    Commento di Frank61 | 27 aprile 2010 | Rispondi

    • Allora: per quanto riguarda i file audio che ti presento io, non devi far nulla. Se invece vuoi cambiare l’intonazione di un pezzo musicale (che so, la terza di Beethoven) vai a EFFETTI, CANGE PITCH, a sinistra scrivi 440, a destra 432. Clicchi ed è fatto.
      “Decongestione del Perineo C., Arcaici” WOW! Very good, my dear!

      Commento di zaro41 | 27 aprile 2010 | Rispondi

  5. Grazie mille per la risposta Roberto.
    Proverò quanto prima con altri pezzi musicali.
    Sperando di riuscirci.
    Buona giornata

    Commento di Frank61 | 28 aprile 2010 | Rispondi

  6. ciao Roberto io avevo gia fatto esperimenti con i 432 hz e ero arrivato alle tue stesse conclusioni ti devo dire pero’ che se tu metti un cleanergy davanti agli altoparlanti o sopra il dispositivo di riproduzione si crea una sinusoide naturale che e’ assolutamente riconosciuta da tutto il nostro essere in particolare dal cervello che scarta a priori i segnali digitali riconoscendo madre natura e se vai a testare il ming men ed il sistema simpatico con i 440 ci sono un po’ di problemi mentre con i 432 non si attivano minimamente e devo anche dire che a 432 sempre paragonato ai 440 con alcuni brani si attivano anche in parte le onde delta e le onde gamma oltre le gia citate onde theta ed alfa inoltre con le 432 se vai a sentire c’e’ una alimentazione alla corteccia cerebrale ed al nervo vago notevole che parte dal sistema uditivo ed i muscoli che sostengono la staffa ed il martello all’interno del nostro orecchio vengono stimolati maggiormente lasciando passare molte piu’ frequenze e questo comporta una maggiore capacita’ di comprensione ed aquisizione di informazioni.
    ciao

    Commento di Tiziano | 29 aprile 2010 | Rispondi

  7. ciao Roberto ma se prendi un pezzo di mozart e lo pitchi del 96 per cento ti senti una traccia di merda e non ha senso
    con qualsiasi programma (acid) puoi pitchare la traccia
    ma se tu prendi un la e lo pitchi in modo che diventi 432 è un conto
    il problema è che nelle tracce non sono tutti LA
    magari ci ono un LA un SOL e un RE sovrapposti, con un rullante sotto magari
    e l’abbassamento di tono non è “regolare” ma logaritmico
    quindi si sfasa tutto.
    In conclusione quello che tu dici secondo me non ha molto senso.

    Commento di Noise | 20 luglio 2011 | Rispondi

    • Non ho minimamente compreso ciò che vuoi dire, ma mi consolo pensando che tu non hai compreso quello che dico io.

      Commento di Roberto Zamperini | 20 luglio 2011 | Rispondi

  8. Ciao,

    Portare la frequenza d’intonazione del la a 432 hz di un brano registrato in partenza a 440 hz secondo Doria non risulta un’applicazione corretta (almeno, il brano è stato abbassato, giusto? non riscritto con intonazione a 432 hz (?):

    http://www.automiribelli.org/?p=1115#more-1115

    Voi che dite?

    Commento di hermes_tris | 27 settembre 2011 | Rispondi

  9. non mi da l’accesso a scaricare i tre brani mozartiani in mp3 … sapete come posso fare?

    Commento di carmela | 12 settembre 2013 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: